Nuove indiscrezioni giungono in merito al prossimo phablet di Samsung, il Galaxy Note 4, e riguardano nello specifico il comparto fotografico.

Secondo quanto riportato dal coreano ETNews, l’atteso device potrebbe essere realizzato con una fotocamera anteriore da 3.7 megapixel e da una fotocamera posteriore da 12 megapixel con stabilizzatore ottico dell’immagine.

Recentemente Samsung ha introdotto la tecnologia proprietaria ISOCELL sul device di punta Galaxy S5, privilegiando di fatto una scelta “interna” alla presenza dello stabilizzatore OIS.

Il sensore da 12 megapixel verrebbe realizzato presso lo stabilimento di Tianjin, la cui capacità produttiva sarebbe di circa 1 milione di unità al mese.

La volontà da parte di Samsung di produrre 5 milioni di device al mese verrebbe soddisfatta dalla disponibilità da parte dello stabilimento di Tianjin di effettuare corposi investimenti per incrementare la capacità produttiva sino a 3 milioni di unità. I restanti 2 milioni di sensori verrebbero forniti da altri partner.

Se tali rumors venissero confermati, il prossimo Samsung Galaxy Note 4 avrebbe una fotocamera con risoluzione inferiore non solo rispetto a quanto finora trapelato e confermato dal benchmark AnTuTu, ma anche in confronto all’attuale modello Galaxy Note 3, caratterizzato dalla presenza di una fotocamera posteriore da 13 megapixel.

La scelta deriverebbe dall’intenzione da parte degli ingegneri di Samsung di contenere il più possibile lo spessore del phablet, considerando anche l’introduzione al suo interno dello stabilizzatore ottico dell’immagine.

La medesima fonte afferma che il sensore da 20 megapixel finora testato sarebbe destinato al prossimo Samsung Galaxy S6, il cui annuncio potrebbe avvenire nel corso del Mobile World Congress di Barcellona del 2015.

Samsung Galaxy Note 3
Samsung Galaxy Note 3

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum