Che all’inizio di quest’anno il colosso della Corea del Sud, Samsung, avrebbe dovuto lanciare il suo ambizioso smartphone pieghevole, sul quale stava lavorando da anni, il primo della storia del settore mobile, è ormai cosa nota a tutti. Che le cose non siano andate esattamente come previsto è altrettanto noto.  Quello che sorprende è che, mentre il Samsung Galaxy Fold non è ancora riuscito ad arrivare sugli scaffali dei negozi, la compagnia sta già lavorando al suo successore, un ipotetico Samsung Galaxy Fold 2.

Samsung Galaxy Fold 2 nel 2020

La notizia susciterà sicuramente un po’ di scetticismo, visto quanto avvenuto nel corso di quest’anno con il Samsung Galaxy Fold, ma un nuovo rapporto, che cita come fonte alcuni fornitori della compagnia a Taiwan, sembra confermare con certezza che Samsung starebbe lavorando a uno smartphone pieghevole di nuova generazione che dovrebbe essere lanciato all’inizio del prossimo anno. Anche se non sembra esserci ancora un calendario preciso, secondo la fonte, la società inizierà a procurarsi i componenti per questo dispositivo a partire da novembre di quest’anno.

Il rapporto specifica inoltre che mentre l’attuale smartphone pieghevole, il Galaxy Fold, riproduce tecnicamente il modo di piegarsi di un libro, il nuovo foldable dovrebbe avere un design a flip e sarà possibile piegarlo verticalmente e non orizzontalmente ricordando i design a conchiglia (tipo Motorola RAZR per intenderci). Per il resto non sono ancora note molti altri dettagli su questo possibile Galaxy Fold 2. Probabilmente si tratterà di uno smartphone pieghevole con un display con diagonale da 6,7 ​​pollici e all’esterno ci sarà un display più piccolo, forse anche di un solo pollice, per notifiche, ora e data.

Il produttore sud coreano sembra dunque continuare a credere fortemente che nel futuro del settore mobile gli smartphone pieghevoli possano ricoprire un ruolo in primo piano, nonostante la partenza non sia stata certo delle migliori.

Le migliori offerte di oggi per Samsung Galaxy Fold: tutti i prezzi

Fonte:Digitimes