Nextbit Robin è indubbiamente uno degli smartphone Android più particolari presenti sul mercato, basato essenzialmente sul concetto di cloud: oltre ad integrare una classica memoria interna da 32GB è dotato anche di una memoria cloud da 100GB che lavora in abbinata con quella fisica permettendo, ad esempio, di immagazzinare i dati delle applicazioni direttamente sul cloud, snellendo l’intero sistema operativo.
Unico nel suo genere anche dal punto di vista del design, tanto da vincere il premio Red Dot 2016 dedicato proprio alla parte estetica, insomma indubbiamente uno smartphone diverso rispetto ai diretti competitors.

Nexbit ha rilasciato ufficialmente Android 6.0.1 per il suo Robin, integrando la nuova patch di sicurezza di aprile, un nuovo set di emoji, l'ottimizzazione della CPU e della batteria, oltre ad una rivisitazione della parte software del comparto fotografico, in grado adesso di scattare tre volte più velocemente rispetto alla versione software precedente.
Questo smartphone rappresenta "l'opera prima" per Nextbit e il fatto che l'azienda continui a supportarlo sugli aggiornamenti è un aspetto assolutamente positivo.

Nextbit Robin e le cuffie AIAIAI
Nextbit Robin e le cuffie AIAIAI

Oltre all'update, Nextbit ha anche annunciato una partnership con AIAIAI, azienda danese leader mondiale nel settore audio, che ha realizzato delle cuffie a padiglione pensate (e quindi ottimizzate) per essere utilizzate proprio con il Nextbit Robin, in vendita a partire da oggi al prezzo di 225 dollari direttamente sul sito Web ufficiale di Nextbit.
Insomma, l'azienda nata dai "dissidenti" fuoriusciti da Google, Motorola, HTC ed Apple prosegue con il suo processo di crescita, e a questo punto sarà molto interessante capire cosa ci riserverà per questo 2016.