Le tariffe applicate per le linee in affitto dalle
compagnie telefoniche europee sono troppo alte e incidono in modo rilevante
sui costi delle imprese, frenando la diffusione dei servizi collegati ad Internet.

È quanto emerge da un’inchiesta condotta dalla
Commissione europea, che si appresta ad comunicare alle Authority dei paesi
europei i prezzi massimi applicabili dalle società di telecomunicazioni
per l’utilizzo delle linee di trasmissione dati da 64kbit per distanze fino
a 5 chilometri.

L’ Italia, con l’ex monopolista Telecom Italia,
è il paese europeo con le tariffe più alte, 297 euro al mese contro
gli 80 indicati come soglia massima da Bruxelles per questo tipo di connessioni.

Austria 200
Belgio 167-278
Danimarca 99
Finlandia 97
Francia 242-277
Germania 92
Grecia 180-190
Irlanda 129
Italia 297
Lussemburgo 144
Olanda 141-274
Portogallo 116
Spagna 221
Svezia 210
Regno Unito 250-264