Secondo quanto trapelato in rete in queste ore, sembra che il nuovo Pixel 5 verrà distribuito il 15 ottobre, mentre la variante 5G dell’attuale midrange Pixel 4a arriverà molto più tardi.

Pixel 5 e 4a 5G: che strana politica di marketing…

La prossima settimana Google annuncerà la data di lancio dei nuovi dispositivi del brand; proprio in queste ore, continuano ad arrivare nuovi rumor ed indiscrezioni a riguardo. In primis, sappiamo che il quinto modello della gamma verrà presentato il 15 ottobre, come suggerito da vecchi leaks. La versione con modem 5G e SD 765G del Pixel 4a invece, arriverà molto più tardi… e sinceramente non capiamo il motivo di questa scelta. Si ipotizza il 19 novembre (lo stesso giorno della commercializzazione di PlayStation 5) per la variante “Just Black”.

Ci sarebbe anche una colorazione bianca denominata “Clearly White”, ma sembra che non arriverà prima del 2021. Noi ci poniamo una domanda: “Cara Google, ma veramente ci vogliono tanti mesi per presentare una nuova variante di colore?” Non dimentichiamo poi che si vociferava anche dell’arrivo di un Pixel 4a blu, ma secondo Jon Prosser questa versione sembra esser stata cancellata, ma non è chiaro il motivo della decisione sul fil di lana.

Sebbene non sia chiaro il motivo di tanto distanziamento tra le release 4 e 5, l’ipotesi è che si voglia evitare una cannibalizzazione reciproca tra i due device, atutto vantaggio della concorrenza. Inoltre, il 19 novembre sembra essere una data davvero sbagliata per presentare un telefono; con il monopolio di Sony con la sua PS5 e con il Black Friday a distanza di otto giorni, chi comprerà il telefono al Day One?

Concentriamoci sul Pixel 5; sembra che il mediogamma premium (già, non sarà un flagship) sarà venduto da subito nelle tinte Just Black e Subtle Sage, con pre-order a partire dal 30 novembre e commercializzazione prevista per il 15 del mese successivo. Sui costi al pubblico, ci aspettiamo un prezzo di partenza di 699 $. Non ci resta che attendere poche settimane per scoprirlo.

Fonte:Twitter Jon Prosser