Google ha annunciato una piccola serie di importanti novità per il mondo Android, piccole grandi funzioni che potranno tornare molto utili per un gran numero di persone. La firma sull’annuncio è quella del Product Manager Hideaki Oshima e la comparsa delle novità sarà scandita dagli aggiornamenti in arrivo sui vari device coinvolti.

Password Checkup

La prima importante novità è nello strumento di verifica per le password che gli utenti affidano all’autocompilatore basato su Google Account. Quella che prima era una funzione riservata a Google Chrome, ora viene estesa a livello di sistema operativo ed è in grado pertanto di verificare anche le singole password per le singole app.

Android Password Checkup

Il funzionamento è semplice: qualora si inserisca una password tramite l’autocompilatore (utilizzando quindi la memoria di Google per gestire le password che rischieremmo di dimenticare), la password stessa viene verificata per controllare che non sia presente in uno degli elenchi portati online a seguito di eventuali leak o attacchi informatici del passato. In questo caso viene consigliato di modificare la password stessa, ripristinando così la piena sicurezza dell’account. Non serve un controllo proattivo sulle decine di password che si sono registrate lungo il proprio percorso: ci pensa Google a controllare e ad avvertire in caso di problemi.

Messaggi pianificati

Con l’aggiornamento dell’app relativa ai messaggi, Android consentirà di pianificare l’invio dei messaggi invece di imporne esclusivamente l’invio immediato. Questa funzione potrà essere estremamente utile in una molteplicità di occasioni, poiché permette di inviare un augurio all’ora giusta, un messaggio in un orario consono, un pensiero pre-compilato ad un’ora predefinita. Un piccolo passo che si richiedeva da molto tempo, insomma, e che ora arriverà per tutti gli smartphone aggiornati ad una versione da Android 7 in poi.

TalkBack

Una nuova versione di TalkBack include un maggior numero di funzioni e utilità per ipovedenti: gestures più intuitive, nuovi menu e altro ancora. Per accedervi è sufficiente aggiornare immediatamente l’app da Google Play Store.

Android a mani libere

Nuove funzioni incluse nell’Assistente Google consentono di utilizzare lo smartphone a mani libere andando oltre quanto fatto fino ad oggi. La novità consta dunque in una maggior intelligenza dell’Assistente applicata alle funzioni dello smartphone: dall’impostazione di allarmi all’avvio di musica su Spotify, tutto avviato con un semplice “Hey Google” di introduzione del comando. E tutto ciò anche con lo smartphone bloccato, dunque senza il bisogno di alcuna interazione manuale con lo schermo, in modo estremamente più facile ed intuitivo.

Google Maps in dark mode

L’app Google Maps sposa la “dark mode” per consentire un maggior risparmio energetico (l’app deve spesso rimanere accesa a lungo durante gli spostamenti per seguirne le indicazioni di orientamento) e per migliorare la visibilità in orario notturno. La funzione è in progressivo rollout in questi giorni e può diventare l’opzione standard per chiunque voglia sceglierla dal menu principale.

Miglioramenti su Android Auto

Nuove funzioni consentono un uso più intuitivo della navigazione su Android Auto, consentendo l’avvio di app con il solo uso della voce e facilitando la gestione del display in base alla sua dimensione.  In questo caso gli aggiornamenti saranno disponibili sulle sole auto compatibili.

Trattasi di funzioni promesse fin da oggi, ma che arriveranno sui singoli smartphone non appena gli aggiornamenti avranno seguito il normale percorso di rollout: non appena lo smartphone sarà aggiornato, dunque non resterà che testarne immediatamente le funzioni: gran parte dei dispositivi Android sta per fare un gradito passo avanti.

Fonte:The Keyword