Secondo quanto affermato in queste ore, sembra che il presidente di Nintendo si sia scusato pubblicamente con un problema che da sempre ha attanagliato i giocatori di Switch. Pare infatti che i famosi joy-con, i controller di cui dispone la console più versatile del mondo, siano un po’ troppo fragili, con rotture accidentali improvvise a cui gli utenti non hanno saputo dare risposte.

Nintendo: cambierà qualcosa nel futuro?

Sin dal primo lancio infatti, vari utenti hanno segnalato una criticità con le levette del drift del joy-con, le quali registravano input quando in realtà i giocatori non ne stavano effettuando affatto. Sebbene tali controller si siano subito rivelati originali e capaci di donare varie modalità di gioco ai titoli accorsi nel tempo, hanno anche mostrato – da subito – una leggerezza costruttiva di non poco conto.

Il problema ha afflitto le Switch indipendentemente dal modello (non è imputabile quindi ad un determinato lotto di console piuttosto che un altro) e, in una recente chiamata con gli investitori, il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa, ha effettivamente toccato con mano il problema di cui tanto si è parlato negli anni, scusandosi di conseguenza, con i clienti di tutto il mondo.

Come tradotto dal portale di Kotaku, Furukawa si è scusato brevemente per i problemi accorsi ai joy-con che gli utenti hanno sperimentato, ma non ha aggiunto molte note in più:

Per quanto riguarda il Joy-Con, ci scusiamo per eventuali problemi causati ai nostri clienti. Stiamo continuando a puntare a migliorare i nostri prodotti, ma poiché il Joy-Con è oggetto di un’azione legale di classe negli Stati Uniti e questa è ancora una questione in sospeso, vorremmo astenerci dal rispondere a qualsiasi azione specifica.

Come osserva il portale oltreoceano, questa è la prima volta che Nintendo si scusa per il problema, in oltre tre anni dal debutto ufficiale. La causa legale di Furuka presentata oltre un anno fa è stata volta a sperimentare le problematiche della levetta del joy-con sia nella Switch classica che in quella Lite.

Negli USA, Nintendo ha creato una speciale pagina sul sito di supporto della casa, in cui illustra i metodi con il quale andare ad intervenire per riparare la criticità. Nonostante ciò, non vi è alcuna riprogettazione in cantiere per i futuri controller, che potrebbe andare a risolvere problematiche future lavorando sulla radice del problema. Staremo a vedere se cambierà qualcosa dopo l’azione legale e le scuse di Nintendo.

Fonte:Slashgear