Samsung prevede di iniziare a produrre a partire dai primi mesi del 2018 nuovi chip attraverso la tecnologia di nuova generazione a 7 nanometri. La società prevede di utilizzare un sistema di esposizione estrema ai raggi ultravioletti (EUV). Secondo Heo Kuk, direttore della divisione Semimcondutor System LSI di Samsung, questa tecnologia presenta delle sfide ma, al tempo stesso, «Sasmung ne sarà leader così come lo è stata sui processi a 14nm e 10nm».

Samsung
Samsung

La produzione di inizio 2018 permetterà presumibilmente di far cogliere i frutti di questo nuovo processo al futuribile Galaxy S9. Kok non ha parlato solo della tecnologia a 7nm: rigauardo a quella a 14nm, il dirigente ha detto che sarà impiegata in più contesti per abbracciare non solo il mondo mobile ma anche quello automobilistico, delle infrastrutture di rete e del mondo della grafica. Samsung si aspetta un’importante crescita dalla tecnologia a 14nm. Sugli imminenti flagship, il galaxy S8 e S8 plus, Samsung userà processi a 10nm.