L’ Authority per le Comunicazioni ha accertato
una serie di comportamenti anticoncorrenziali da parte di Telecom Italia che
avrebbero danneggiato le aziende concorrenti. Per questo motivo gli uffici di
Enzo Cheli si preparano a sanzionare l’ex-monopolista, che potrebbe essere soggetto
ad altre multe qualora l’ Antitrust dovesse accertare altre violazioni.

Le indagini da parte dell’ Authority sono iniziate
il 13 settembre, con l’apertura di un’istruttoria dopo la presentazione da parte
di 27 operatori di una denucia per ‘Stategie a danno dello sviluppo del mercato’.
Fra i presunti comportamenti anticoncorrenziali di Telecom Italia anche l’aver
contattato gli utenti che si erano rivolti ad altre compagnie telefoniche per
l’attivazione del servizio di carrier preselection (utilizzo dei servizi di
un particolare gestore senza dover comporre il suo codice di accesso ad ogni
chiamata), chiedendo loro di prendere in considerazione le ultime proposte tariffarie
di Telecom e di non passare alla concorrenza.