Secondo recenti rapporti, la versione macOS di Microsoft Teams ora supporta la funzione di condivisione audio del sistema. In precedenza, questa feature era limitata alla sola iterazione per Windows 10.

Microsoft Teams: la condivisione audio su MacOS

Con questa grande novità, gli utenti possono condividere l’audio proveniente dal computer durante le videochiamate e le trasmissioni in diretta. Ciò lo rende comodo per guardare video e riprodurre musica contemporaneamente.

Sappiate che ci sono stati molti appelli a Microsoft Teams affinché l’azienda fornisca questa funzionalità anche per i prodotti della mela morsicata. Dopo aver attivato questa funzione, sono necessari circa 10 secondi per installare un driver speciale prima che possa essere eseguito. Pochi secondi dopo, verrà visualizzata la pagina Web audio e anche l’altra parte si potrà ascoltarla in simultanea.

Microsoft Teams

L’applicazione di Microsoft fornisce versioni desktop e mobili per videocall, gestione dei team, condivisione di file e altre operazioni. Attualmente, Teams è disponibile solo per gli utenti che posseggono la versione commerciale di Microsoft 365 ed è necessario iscriversi al servizio per ottenere il diritto di usare la piattaforma.

Microsoft Teams

Nelle notizie correlate, sembra che la versione ufficiale di Microsoft Windows Terminal 1.7 sia stata rilasciata ieri. Secondo la norma di rilascio ufficiale, sia la versione ufficiale di 1.7 che la versione di anteprima di 1.8 arrivano contemporaneamente. La versione di anteprima di Windows Terminal 1.8 si basa principalmente su 1.7 con piccole modifiche e ottimizza l’esperienza di impostazione dell’interfaccia utente e così via.

L’utente può accedere all’interfaccia utente delle impostazioni facendo clic sul pulsante delle impostazioni nel menu a discesa o digitando “Ctrl + virgola”;

Ora, si può tenere premuto il tasto Maiusc e fare clic sul file di configurazione nel menu a discesa per aprire il file di configurazione in una nuova finestra;

Gli utenti possono aggiungere “unfocusedAppearance” all’oggetto JSON del file di configurazione e specificare le impostazioni che rimarranno attive quando la finestra perde il focus;

Infine, si potrà utilizzare il menù a discesa invece di inserire il nome del carattere per selezionare lo stile del tutto. Questo dovrebbe presentare anche filtri per caratteri a spaziatura fissa e caratteri non a spaziatura fissa.

Fonte:ITHome