Dopo quasi trent’anni Martin Cooper, l’uomo passato
alla storia per essere stato il primo ad effettuare una chiamata con un telefono
cellulare, ha deciso ora di rivoluzionare anche il modo con cui navighiamo in
Internet.

In qualità di presidente della ArrayComm,
Cooper sta lavorando ad una nuova tecnologia cellulare, per rendere possibili
collegamenti Internet dai dispositivi portatili, alla stessa velocità
delle linee ADSL. L’opinione di Cooper è condivisa anche da altre aziende,
che ritengono che Internet in futuro apparterrà sempre di più
ai telefoni cellulari e ai palmari.

‘La vera questione è capire se Internet
debba essere utilizzato da connessioni cellulari o di linea fissa’, ha dichiarato
pochi giorni fa Cooper nel corso di una intervista all’Internet World 2000.
‘La gente non vuole comunicare con delle macchine ma con altre persone, tramite
piccoli dispositivi portatili’.

La ArrayComm punta a rivoluzionare il settore delle
telecomunicazioni mobili, per mezzo di antenne intelligenti capaci di indirizzare
il segnale in modo più preciso. Il segnale dei telefoni cellulari attualmente
in commercio, è trasmesso dalle antenne in tutte le direzioni, una tecnica
inefficiente che finisce per intasare l’etere di informazioni. Concentrandosi
sulla precisa zona dove si trova l’utente, la tecnologia di ArrayComm elimina
il sovraffollamento, permettendo maggiori velocità di trasmissione.

‘La nostra tecnologia aiuterà a passare
dagli attuali sistemi cellulari, con tutte le loro limitazioni, alla prossima
generazione’, commenta Martin Cooper, che all’età di 71 anni è
in competizione con altre aziende in cui non è difficile trovare dirigenti
sotto i 30 anni.’È difficile per loro pensare che una persona della mia età
possa essere ancora così energica e creativa’.