Cina: un miliardo e 200 milioni
di abitanti. India: 990 milioni di abitanti. Asia: tre miliardi e 500 milioni
di abitanti. Cifre realmente enormi, un mercato vastissimo, destinato a divenire
senz’ombra di dubbio il più importante del mondo. Già
nel 2005, l’Asia sarà il mercato mobile principale, con 575 milioni di utenti.

È ciò che emerge da una recentissima
ricerca della società specializzata americana Yankee Group. Lo studio non è
neanche uno dei più ottimisti. Difatti pone, come percentuale di crescita annuale
di penetrazione, il 20% circa all’anno. Sebbene nel 2005 l’Asia sarà già il
primo mercato del mondo, la penetrazione di terminali mobili raggiungerà appena
il 15.6% dell’intera popolazione. Un risultato di tutto rispetto, comunque,
paragonato al 6.93% del 2000.

Gli aspetti chiave del futuro incremento
sono la liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni, l’espansione dei
contratti prepagati, un calo dei prezzi dei cellulari, un calo delle tariffe
e soprattutto un significativo aumento del tenore di vita delle popolazioni
interessate. Inoltre, il 40% delle nuove infrastrutture di rete, che verranno
implementate in tutto il mondo, saranno impiantate in Asia, in particolar modo
in paesi come Cina e Giappone.