Secondo quanto si legge in rete, sembra che l’attuale problema della carenza globale di chip durerà almeno fino al 2022, poiché l’industria deve affrontare ancora diversi ostacoli.

La carenza di chip è un problema più grave del previsto

Al momento il mondo soffre di una grave carenza di semiconduttori. Ciò ha avuto un impatto su varie industrie in tutto il mondo con diversi settori in difficoltà a causa di vari ostacoli complessi, che probabilmente farebbero durare ulteriormente la carenza fino al 2022.

Secondo un rapporto dell’SCMP, la carenza di chip è aggravata dai molteplici fattori in gioco in questo momento. Il rapporto ha inoltre aggiunto che questo probabilmente porterebbe la carenza a durare fino alla fine dell’anno corrente e anche nel 2022. Per chi non lo sapesse, questa crisi ha colpito per la prima volta l’industria automobilistica poiché i semiconduttori controllavano varie funzioni come i freni, le porte,  tergicristalli e molto altro ancora. E ora, il problema riguarda anche i prodotti elettronici di consumo come gli smartphone, il mercato dei PC e persino gli elettrodomestici come lavatrici e forni a microonde.

Inoltre, due dei principali ostacoli che il mondo deve affrontare al momento includono la pandemia di coronavirus e le controversie commerciali in corso tra Stati Uniti e Cina che hanno colpito le catene di approvvigionamento. Mentre l’aumento dei prezzi dei chip è il risultato della carenza che per ora è correlata principalmente al settore dei semiconduttori, gli analisti ritengono che alcuni prodotti di consumo a basso margine potrebbero presto anche vedere un aumento del prezzo nel prossimo futuro a causa della persistente crisi di capacità.

In particolare, molti esperti ritengono anche che il primo passo verso una carenza di chip sia stato in realtà dovuto all’escalation del crescente attrito degli Stati Uniti con la Cina. Ciò è iniziato con il precedente presidente Donald Trump ed è continuato con l’attuale presidente Joe Biden che ha anche tentato di portare l’intera filiera produttiva di semiconduttori negli Stati Uniti. Quindi, sembrerebbe che ci vorrà un po’ prima che la situazione diventi di nuovo normale.

Fonte:SCMP