Ultimamente, ci sono state un paio di fughe di notizie e speculazioni sui prossimi telefoni di casa Huawei in arrivo. In particolar modo, proprio di recente, un popolare leaker cinese presente su Weibo, @ChanganDigitalKing, ha riferito che il Nova 8 avrà un prezzo di partenza di 3.000 yuan  (circa 459 dollari). Inoltre, pare anche che l’iterazione premium, il Nova 8 Pro, avrà un costo di partenza di circa 4000 yuan (ovvero 612 dollari circa). Secondo le speculazioni, la data di lancio di questi device dovrebbe essere il 23 dicembre prossimo. Ci sono anche rapporti secondo i quali pare che le vendite inizieranno dal 30 dicembre prossimo. Oggi, lo stesso leaker ha dichiarato che questa serie arriverà con i SoC Kirin.

Huawei Nova 8: cosa sappiamo sulla nuoa serie di device?

Secondo @DigitalChatStation, Huawei sta per lanciare un nuovo smartphone con a bordo il chipset di MediaTek, il Dimensity 700. Il nuovo telefono (non sarà a questo punto un Nova… o forse sì?) sembra disporre di un display LCD FHD da 6,5 ​​pollici con un refresh rate da 60 Hz. Inoltre, pare che questo sia dotato di una singola fotocamera incastonata nell’angolo superiore sinistro del display. Sulla parte anteriore, questo smartphone invece, gode di una fotocamera selfie da 16 MP, mentre sulla back cover dovrebbero esserci ben quattro telecamere al seguito. La lente principale dovrebbe essere da 48 Mpx e le altre invece, pare che presentino una combinazione 8+2+2 Mega. In più, sembra che questo dispositivo disponga di una batteria integrata da 4000 mAh con supporto alla fast charge da 40W.

Huawei ha anche programmato un evento per il rilascio della prima beta di Harmony OS per smartphone. In precedenza è stato confermato che la prima beta del software del colosso cinese sarà disponibile per Mate 40 e sembra che i rappresentanti di Huawei ne parleranno di più direttamente agli sviluppatori il prossimo 16 dicembre.

In particolare, i programmatori avranno modo di studiare la filosofia di progettazione del nuovo Harmony OS 2.0 e riceveranno informazioni complete sulla struttura delle app per il nuovo sistema e gli strumenti di DevEco Studio 2.0. Sembra che avranno anche l’opportunità di chattare con gli esperti tecnici di Huawei per la risoluzione dei dubbi e degli eventuali problemi. Non è chiaro se Harmony OS avrà una versione internazionale, con alcune voci che suggeriscono che il P50 arriverà a marzo con Android 11 sotto la scocca.

Qualche settimana fa, Huawei ha tenuto la Developer Conference 2020 e ha rilasciato Harmony OS 2.0. Dopo l’incontro, Wang Chenglu, presidente del dipartimento software di Huawei, e Yang Haisong, vicepresidente del dipartimento software di Huawei, hanno rilasciato un’intervista. Yang Haisong ha così ribadito i piani relativi alla distribuzione del firmware HarmonyOS:

Proprio come Wang Bo ha annunciato oggi, il nostro magazzino di codici sul sito web ufficiale e Code Cloud è stato completamente aperto al pubblico. SI possono già vedere tutti i codici open source e i materiali correlati del nostro sistema operativo Harmony su Internet. In futuro, il carico di categoria si riferisce alle categorie coperte dal carico delle apparecchiature. Questo sarà il nostro obiettivo per il prossimo futuro.

Infine, Chenglu ha affermato che l’installazione del sistema operativo Harmony avverrà in automatico senza particolari procedure per l’utente.

Fonte:Gizchina