Huawei ha annunciato lo smartphone pieghevole Mate X di prima generazione a febbraio 2019 ed è stato reso disponibile per l’acquisto dopo diversi mesi, precisamente a novembre dello stesso anno. Successivamente, il produttore cinese ha mostrato la sua versione aggiornata (Mate Xs) nel mese di febbraio dello scorso anno. Stando a quanto abbiamo visto negli anni precedenti dunque, è lecito attendere un nuovo foldable in arrivo anche nel 2021. Tutto fa pensare che il pieghevole next-gen possa fare a breve la sua comparsa sulle scene. Ieri, a tal proposito, il Mate X2, device avente numero di modello TET-AN00 / TET-AN10 è emerso presso la piattaforma di certificazione TENAA cinese. L’elenco non ha rivelato alcuna informazione in merito alle sue specifiche. Tuttavia, un informatore affidabile ha condiviso oggi tutte le specifiche tecniche di cui disporrà il dispositivo.

Huawei Mate X2: queste le sue specifiche tecniche

Il tipster afferma che le dimensioni del nuovissimo Huawei Mate X2 possano essere di 161,8 x 145,8 x 8,2 mm. Il peso invece, pare che sia di ben 295 grammi. Diversi rapporti hanno rivelato che la società abbandonerà il design pieghevole verso l’esterno che è stato reso visto sui modelli Mate X e Mate Xs. La nuova fuga di notizie infatti, dichiara che il Mate X2 godrà di un display pieghevole verso l’interno da 8,01 pollici capace di riprodurre una risoluzione di 2480 x 220 pixel. Il lato anteriore del telefono invece, pare che possa presentare un secondo schermo da 6,45 pollici con una risoluzione di 2270 x 1160 pixel. Il foldable avrà una fotocamera frontale da 16 megapixel.

Sul retro del Mate X2 pare che sia disponibile una configurazione composta da telecamere: 50 + 16 + 12 + 8 megapixel. Infine, pare che possa essere supportato lo zoom ottico ibrido 10X. Ad alimentare il device troveremo il processore di punta Kirin 9000, insieme ad una batteria da 4.400 mAh; dovrebbe arrivare con il supporto per la ricarica rapida da 66 W. Sul fronte software invece, è previsto Android 10 AOSP con HML e skin EMUI 11.

Fonte:Gizmochina