Huawei in questi giorni sta affrontando una nuova causa riguardante i brevetti di elaborazione delle immagini; secondo quanto emerge infatti, il noto produttore di smartphone sembra che sia stato citato in giudizio da Cedar Lane Technologies.

Huawei: nuove grane all’orizzonte

Quest’ultimo ha intentato una causa all’inizio della settimana per violazione di brevetto ai danni di Huawei, affermando che la compagnia cinese avesse violato i loro patents circa il processo di elaborazione delle immagini e persino utilizzato questi metodi brevettati nei loro dispositivi e sistemi.

Andando nello specifico, secondo quanto afferma Cedar Lane Technologies, il colosso asiatico avrebbe violato dei brevetti riguardanti la compressione JPEG delle fotografie, il sistema di riconoscimento delle scene mediante AI, il sistema di elaborazione delle singole immagini, la videocamera VR e molti altri ancora.

Cedar Lane ha infatti affermato che il produttore ha utilizzato un particolare documento brevettato su una serie di prodotti fra i quali spiccano il nuovo Mate XS, Mate X, Mate 20, Mate 20 Pro, Honor View 10, Honor 8, MediaPad M5, MediaPad M6 e MediaPad T5.

Sembra che l’effrazione di Huawei ruoti attorno al brevetto 527 che ha la seguente descrizione:

un metodo [a] per interfacciare mezzi di conversione analogici / digitali e mezzi di compressione JPEG, detti mezzi di compressione JPEG aventi un dispositivo di memoria incorporato, comprendente le fasi di: la lettura sequenziale di un numero predeterminato di linee di immagine dall’output di dati di immagine di detti mezzi di conversione analogici / digitali.

Cedar Lane dal canto suo, ha affermato che poiché Huawei ha utilizzato proprio il suddetto metodo di conversione delle immagini, ha violato ampiamente la tecnologia brevettata proprietaria.

Dulcis in fundo, l’azienda ha anche dichiarato di avere “dipendenti che testano e utilizzano internamente questi prodotti”. In poche parole, Huawei sarebbe stata a conoscenza del brevetto ma ha preferito creare lo stesso dei dispositivi mantenendo tale caratteristica.

Fonte:LawStreetMedia