Oltre ai comandi vocali, l’aspetto chiave delle cuffie dell’Assistente Google è la lettura ad alta voce delle notifiche in arrivo. Google ha esteso questa funzione dell’assistente a tutte le cuffie cablate, indipendentemente dal fatto che siano state ottimizzate dal produttore.

Lettura delle notifiche sulle cuffie cablate con smartphone Android

Il pairing avvierà un processo di configurazione precedentemente riservato solo alle Pixel Buds USB-C del 2018 dotate di cavo ed alle cuffie Bluetooth come le Pixel Buds, Bose, Sony, ecc.

Processo di configurazione @9to5google

Verrà così richiesto: “Consenti all’assistente di leggere la tua notifica” abilitando l’autorizzazione di accesso alle notifiche per l’app Google nelle impostazioni di sistema. Successivamente, agli utenti viene chiesto di consentire la condivisione di dati personali, come gli eventi del calendario, quando il telefono è bloccato e le cuffie risultano invece collegate.

Questo è quanto, con Google che ricorderà agli utenti di tenere premuto il “pulsante di azione” sulle cuffie per attivare i comandi vocali, il che è abbastanza comune. Tuttavia, tenendo premuto per due secondi il pulsante sulle cuffie, verranno riprodotti due segnali acustici. L’assistente segnalerà prima l’ora, poi riepilogherà il numero di avvisi e quindi inizierà a leggere le ultime notifiche.

Processo di configurazione @9to5google

Per confermare l’avvenuta configurazione, basterà andare nell’elenco dei Dispositivi nelle impostazioni dell’Assistente Google. “Cuffie cablate” verrà visualizzato in “Personale” dove sarà possibile abilitare / disabilitare la voce “Ricevi assistenza da Google” in qualsiasi momento. Gli utenti in questa pagina possono anche controllare quali app funzioneranno con le “notifiche vocali” ed ottenere assistenza.

Processo di configurazione @9to5google

Google deve ancora pubblicizzare ufficialmente questa espansione delle notifiche vocali dell’assistente su tutte le cuffie cablate. Un documento di supporto recita ancora che si ha bisogno di “cuffie ottimizzate per Google Assistant” per poter ottenere queste funzionalità. Inoltre, la funzione sarebbe disponibile anche attraverso l’utilizzo di un adattatore USB-C e non solo nei dispositivi che dispongono di ingresso per il jack da 3.5 mm. Mancherebbe, almeno per il momento, la possibilità, di utilizzare tale funzione con i dispositivi Bluetooth ma come confermato dalla casa di Mountain View, sarà possibile molto presto.

Fonte:9to5Google.com