Google e Facebook hanno annunciato (via TechCrunch) che chiunque usa il browser Chrome su smartphone e tablet potrà sfruttare le notifiche anche senza avere l’applicazione del social network installata. La collaborazione nasce con l’intento di Facebook di ottimizzare le visite provenienti dal sito Web mobile, importanti soprattutto nei mercati emergenti poiché consuma meno dati rispetto all’app e non richiede aggiornamenti.

Tale funzionalità vale sia per Android che per la versione desktop di Chrome. Inoltre, considerato che si tratta di API utilizzabili anche dalle terze parti, questo standard Web per le notifiche push è già integrato in Opera e arriverà “nella versione 42 di Firefox a novembre” ha spiegato Owen Campbell-Moore, product manager associato di Google. In futuro arriverà anche su UC Browser.

Google Chrome
Google Chrome

Ci sono ancora dei limiti. Su Android e su Chrome OS, il sistema operativo per desktop e laptop di Google, le notifiche push arrivano anche quando Chrome non è aperto mentre su desktop tale funzionalità non è presente. Inoltre, specialmente su smartphone e tablet, si riceveranno doppie notifiche se questa funzione viene attivata: dall’app e da Chrome. Ma gli sviluppatori stanno lavorando affinché queste problematiche vengano risolte nei prossimi mesi.

La collaborazione tra Facebook e Google ha portato benefici a entrambi. La prima ha potuto integrare al meglio questa funzionalità grazie al supporto diretto di BigG; Google, invece, ha potuto testare e trovare eventuali bug con un sistema così ampio come quello di Facebook.