Netta crescita nelle vendite del secondo trimestre del 2003 da parte di Nokia. Il leader del mercato, secondo una ricerca effettuata da Gartner, toccherebbe il 35,9% delle vendite, per un totale di oltre 41 milioni di cellulari, con un aumento del 17% rispetto allo scorso trimestre, dove aveva raggiunto il 34,2% del mercato. In generale, però, l'intero settore è in netta ripresa, con una crescita dell'11,9%, per un totale di 115 milioni di pezzi, che dovrebbe far arrivare le vendite dell'intero 2003 ad oltre 450 milioni di cellulari.

Alle spalle di Nokia lontanissime le sue rivali. Brusco stop per Motorola, che cala al 14,6% del mercato, contro il 17% dello scorso trimestre, che continua, comunque, a mantenere la seconda piazza. Al terzo posto si rafforza Samsung, che passa al 9,9 %, contro il 9,5% del trimestre passato. Siemens cala leggermente, ma mantiene il quarto posto, con l'8.1% delle vendite. Ottimi risultati per Sony Ericsson che vende 6,3 milioni di cellulari e raggiunge il 5,5% del mercato, con una netta crescita rispetto al 5,2% del trimestre scorso soprattutto in termini pezzi venduti. Benissimo anche LG Electronics, che raggiunge il 3,8% e cresce nettamente rispetto al 3% dello scorso trimestre.

Lo scatto di Nokia si deve all'aggressiva politica commerciale messa in atto nell'Europa dell'Est ed in India, mentre il calo di Motorola si deve in gran parte agli effetti della SARS, che ha fatto scendere le richieste dalla Cina, un mercato fondamentale per la casa americana.