Call of Duty: Warzone ha appena bandito ben 60.000 utenti imbroglioni. Non è la prima volta che Activision compie una simile mossa ai danni degli utenti poco corretti. Di fatto, i creatori del popolare videogioco online hanno messo al ban decine di migliaia di presunti truffatori in una delle più grandi ondate di divieti nella storia del gioco.

Call of Duty: la grande mossa di Activision

Secondo quanto si apprende in rete, Activision ha eliminato dal gioco più di 60.000 account per l’utilizzo di trucchi e cheat vari, secondo tre fonti familiari con l’azienda. I divieti arrivano solo un giorno dopo che un famoso giocatore e streamer di Call of Duty ha annunciato di aver lasciato Warzone perché il titolo è “saturo di hacker”. L’utente Vikkstar123, in un video ha affermato:

Il gioco è nello stato peggiore che sia mai stato. Activision non si sta davvero occupando del numero di hacker presenti nel gioco. Sembra che non se ne vadano mai e ci sono sempre più hacker […] questo deve essere risolto altrimenti sarà davvero la morte del gioco.

Anche un altro famoso streamer chiamato Jackfrags ha denunciato il “problema dei trucchi” del videogame la scorsa settimana.

Questa è la terza grande ondata di divieti che Activision fa contro i cheater di Warzone da quando il gioco è stato rilasciato lo scorso anno. Ricordiamo che ad aprile, l’azienda ha messo la ban 70.000 account, mentre a settembre ha colpito altri 20.000 utenti. Molti di questi si è scoperto che utilizzassero EngineOwning, una popolare app di trucchi.

Chiunque abbia utilizzato EngineOwning dall’ultima banwave è stato spazzato via“, ha detto una delle fonti a conoscenza dei divieti, che ha chiesto di restare anonima.

Sul sito ufficiale di EngineOwning, gli sviluppatori hanno indicato che stanno “aggiornando” il cheat. In un canale Discord, gli imbroglioni si sono lamentati del fatto che i loro account fossero stati banditi. “RIP. Ho perso 4 account e tutti i miei ragazzi hanno perso anche i loro [sic]“, ha scritto un ragazzo nel forum.

Dopo che questa storia è stata pubblicata, Activision ha confermato la notizia dei divieti. La compagnia, in un post sul suo blog, ha scritto:

Abbiamo tolleranza zero per gli imbroglioni in Call of Duty e Call of Duty: Warzone. Il nostro obiettivo è combattere sia i truffatori che i fornitori di trucchi. Oggi abbiamo bandito 60.000 account per casi confermati di utilizzo di cheat software in Warzone, portando il nostro totale ad oggi di oltre 300.000 permaban in tutto il mondo dal lancio.

Fonte:Vice