Siamo riusciti ad avere nelle nostre
mani per un breve periodo un esemplare definitivo del nuovo Motorola L7089,
telefono cellulare tribanda atteso per gli inizi di ottobre ad un prezzo indicativo
di 800 mila lire.

Oltre
ad essere Tri-band (900 -1800 e 1900), quindi in grado di funzionare anche negli
Stati Uniti, quello che ci ha particolarmente colpiti sono state le novità
e le migliorie apportate al software interno che rendono questo modello appetibile
indipendentemente dal fatto che sia compatibile con la banda dei 1900 mhz. Il
peso di questo cellulare è di soli 108 grammi, le dimensioni di 140 x
50 x 25 millimetri.

Anche chi non ha intenzione di recarsi
negli Stati Uniti sicuramente apprezzerà il Voice Dial ed il Voice Command
che si affiancano al Voice Memo, già presente in alcuni modelli dello
stesso produttore, come ad esempio nel CD920. Il Voice Dial consente di chiamare
un numero semplicemente pronunciando il nominativo della persona a cui vogliamo
telefonare, stesso discorso per il Voice Command con cui possiamo accedere tramite
comando vocale ad una delle opzioni del menu ‘Accesso Rapido’. È possibile
memorizzare fino ad un massimo di 15 comandi vocali fra quelli del Voice Dial
e Voice Command. Per quanto riguarda il Voice Note, la capacità di memoria
massima è rimasta di 3 minuti. Tramite il menu ‘Ultime chiamate ricevute’,
oltre al numero di telefono, è ora possibile conoscere l’ora e la data
delle chiamate ricevute.

Il menu ‘Scelta retÈ consente di
scegliere la banda a cui il telefono deve operare: 900/1800 oppure 1900 mhz
(per gli USA), nessun cambiamento per quanto riguarda le suonerie, pressocchè
uguali a quelle degli altri cellulari Motorola, anche in questo caso i maniaci
della suoneria personalizzata rimarranno profondamente delusi. Interessante
la funzione per poter assegnare un tono particolare per i messaggi SMS ricevuti.
L’avviso di chiamata a vibrazione rende il cellulare particolarmente discreto
nelle situazioni in cui non è possibile arrecare disturbo.

La batteria utilizzata è la
stessa del piccolissimo V3688, celata dal solito sportellino di plastica nella
parte posteriore del telefono. Grazie al ricevitore ad infrarossi situato vicino
all’antenna è possibile utilizzare il cellulare come un modem esterno
senza fili, nella confezione dell’esemplare di prova era incluso un CD contenente
alcune utilities per trasferire ed importare il contenuto della rubrica nei
programmi più diffusi disponibili in ambiente PC/Windows. Il software
in questione è stato realizzato dalla Starfish, la stessa che ha collaborato
con Motorola alla realizzazione dello StarTAC Organizer, prodotto non commercializzato
nel nostro continente (lo sarà forse questo autunno – ndr).

A differenza delle voci che circolano
in questi ultimi giorni, il Motorola L7089 non supporta lo standard WAP per
l’accesso a servizi Internet interattivi. È confermato comunque l’interesse
del produttore americano per questo nuovo protocollo di trasmissione che troverà
implementazione in altri modelli.