Con un annuncio a sorpresa, Palm
ha dichiarato di aver affidato alla società taiwanese Asustek una commissione
per 200 mila palmari dotati del nuovo sistema operativo Palm OS 5 e di processori
Intel XScale. Nessuno si aspettava, infatti, un tale annuncio, visto che la
stessa Palm aveva dichiarato che i nuovi PDA dotati di Palm OS 5 avrebbero avuto
chip di Texas Instruments. Invece l’azienda di Santa Clara ha scelto Asustek,
nota per la qualità delle sue produzioni, per mettere a punto questa grossa
commissione, che inizierà ad essere prodotta nelle industrie cinesi di Asustek
dopo l’estate, per arrivare sul mercato nei primi mesi del 2003.

Palm ha, comunque, confermato che
entro la fine di quest’anno lancerà i nuovi palmari con Palm OS 5 ed i chip
di Texas Instruments. Importante far notare che Intel sta collaborando attivamente
affinché vi sia la piena compatibilità delle nuove applicazioni per Palm OS
5 con ambo i chip. Intel ha messo a punto, infatti, un particolare protocollo
software, detto DAL, che consentirebbe una perfetta compatibilità tra i due
processori. Con questo annuncio Palm si pone un gradino sopra Microsoft, che
non rilascerà una nuova versione del proprio sistema operativo Pocket PC ottimizzata
per i processori XScale prima del 2004, mentre Palm OS 5 sarà perfettamente
ottimizzato per questi nuovi chip.