Arriva finalmente sul mercato l’attesissimo Nokia N80, nuovo terminale multimediale dalle caratteristiche decisamente interessanti come fotocamera da 3.2 Megapixel, connettività Wi-Fi e display ad alta risoluzione.
Come per tutti i nuovi terminali di fascia alta del produttore finlandese il prezzo di lancio non è alla portata di tutti ma, almeno sulla carta, le prestazioni sembrano essere all’altezza.

Confezione
Solito cartonato Nokia, con scene di vita quotidiana, la confezione non presenta nulla di nuovo all’esterno.
Dentro troviamo ,in bella vista, il nostro N80 in colorazione silver (è disponibile anche in nero).
Sotto un ulteriore cartoncino (confezionamento simile all’N70 per capirci) è presente una ricca dotazione di serie: batteria, caricabatteria, l’adattatore da plug a mini-plug, una memoria mini sd da 128Mb, cavo dati USB, l’auricolare e, accessorio molto interessante, l’adattatore da pop-port a jack, per usare qualsiasi cuffia in nostro possesso con l’N80 oppure per collegarlo allo stereo di casa.
In dotazione anche i manuali e il cd con la suite. Davvero niente male.

Primo contatto
L’N80 è un dual mode UMTS/quad band (900/1800/1900/850) gprs + Edge. Utilizza il sistema operativo Symbian serie 60, in questo caso nella nuova versione 9.1, il che, da un lato, consente performance migliori, dall’altro non permette, purtroppo, una retrocompatibilità con i programmi pensati per i precedenti "serie 60".
La connettività del telefono in nostro possesso (un no brand Italia), è ai vertici: non manca nulla, infatti ha infrarossi (utili, anche se ormai abbandonati da tanti vista la bassa velocità di trasferimento dati), bluetooth e wi-fi.
Per quanto concerne la connettività wired, con il cavo USB non abbiamo avuto problemi nell’interfacciarlo al PC, e, anzi, siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla possibilità di scelta della funzione del cavo.
Da menù, infatti, è possibile scegliere se usare il cavo per interfacciarsi con la suite, per il trasferimento dati (come se fosse un drive esterno del pc) o come PictBridge .
Esteticamente si presenta compatto, più piccolo di un N70, ma più spesso, forse un po’ troppo, ma comunque ergonomico e ben bilanciato.
Le dimensioni sono 95 x 49,8 x 22,9 mm per un peso di 134 grammi.
Sulla parte frontale è presente una placca metallica a contorno di display e tastiera supplementare (tipo N70).
Forse il bicolore Silver in nostro possesso non è elegante come la versione nera che, oltretutto snellisce la figura e lo rende meno tozzo.
I materiali sembrano di buona qualità, non scricchiola e anche il meccanismo dello slide è ben saldo e non ha giochi, al contrario di altri slide di Nokia.
Peccato che la slitta non sia assistita da molla, il che rende leggermente meno comoda l’apertura e la chiusura della tastiera.
Riguardo quest’ultima l’abbiamo trovata ampia e precisa, ma non comodissima, sebbene ce ne siano di peggiori.
Il feed è buono, ma i tasti sono poco riconoscibili tra loro, e la fila superiore e inferiore non comodissima da premere, soprattutto per chi ha dita grosse; è inoltre davvero poco illuminata, i led azzurri donano una luce fioca e, con mezze luci, non è facile leggere i caratteri serigrafati sui tasti.
Ottima invece la tastiera presente sul corpo frontale: feed eccezionalmente naturale, durezza perfetta dei tasti.
Fortunatamente, se non si deve scrivere, si riesce a fare tutto senza aprire lo slide.
Oltre a queste due tastiere troviamo il tasto accensione / cambio profili nella parte superiore del telefono, e il tasto per accesso alla fotocamera e scatto sul lato destro del telefono, in modo che quando utilizzeremo la cam si troverà nella posizione più familiare per il click.
All’accensione del telefono rimaniamo incantati dal display: è impossibile, anche se lo guardiamo da vicino, scorgere i pixel, il dot pitch è incredibilmente basso, la risoluzione di 352×416 punti si vede tutta, così come i 260.000 colori.
Proviamo subito a visualizzare una foto e le impressioni che abbiamo avuto all’accensione vengono confermate.
Solo la retroilluminazione non è potentissima, scelta dettata sicuramente dal voler contenere i consumi energetici, ma comunque è leggibilissimo in ogni condizione di luce.
Inoltre troviamo, finalmente, una gradita news, il led di stato, che lampeggia blu per avvisarci che il telefono è acceso, quando il display si oscura completamente per lo stand-by.

Ad un primo contatto troviamo questa versione di symbian più veloce delle precedenti, non sappiamo se merito del processore dell’N80 (che pare essere però lo stesso di N70) o dell’ottimizzazione del software o, ancora, vista la risoluzione, se sia presente un acceleratore grafico.
Fatto stà che navigare nei menù del software è più veloce che con i symbian precedenti.
Le icone sono le stesse degli ultimi nokia, anche se qui, grazie alla risoluzione elevata del display, appaiono davvero ben definite.
Come in tutti i symbian il menù è personalizzabilissimo, possiamo creare nuove cartelle, rinominarle e spostare le icone dei programmi e delle scorciatoie nelle cartelle che più ci tornano comode.
Inoltre il tasto "applicazione", quello con le 4 freccette per intenderci, svolge in questo telefono una duplice funzione: se premuto a lungo si accede alla funzione rapida preimpostata, se lo si preme poco si accede, mediante una simpatica animazione e musichetta, a un menù di scelta rapida dove possiamo, con il pad direzionale, entrare in funzioni da noi scelte.
Il tasto sinistro e destro del menù sono personalizzabili, così come il menù rapido che compare a telefono in stand-by, il quale, come negli ultimi prodotti Nokia, ci presenta gli impegni della giornata o le attività in corso e 6 scorciatoie personalizzabili.

La parte telefonica è fatta molto bene, nonostante le tante possibilità di connettività wireless, queste non influenzano la ricezione e la qualità delle chiamate.
Il segnale è stabile, sia in 3g che in 2g.
Siamo riusciti a telefonare bene laddove altri telefoni ci facevano parlare a tratti.
La qualità del suono è di buona qualità, non ottima, e l’interlocutore ci ha sempre sentito molto bene, segno che anche il microfono è buono.
Il vivavoce è nella media, non è squillante come nella serie communicator ma ci permette di essere usato in auto a velocità cittadine.
Anche le suonerie, personalizzabili con toni mp3, aac ecc. risultano udibili. E’ presente la vibrazione.

La videochiamata che abbiamo provato è risultata fluida e con il video non pixeloso, ma, come sappiamo, questo fattore è influenzato tantissimo dalla rete più che dalla qualità del telefono e delle cam.
In videochiamata abbiamo la possibilità di usare entrambe le cam ed eventualmente di escludere la parte video o audio.
Diciamo che l’anteprima del video che stiamo inviando è un po’ piccolina, ma sufficiente a farci capire che cosa stiamo inquadrando.
Comunque una parte telefonica promossa sul campo, anche se la ricezione in 2g ci è sembrata migliore di quella in 3g.

La parte messaggistica, come in tutti i Nokia, è ben fatta.
C’è la possibilità di creare nuove cartelle, rinominarle, e memorizzare i messaggi sul telefono o sulla memoria esterna.
Il T9 è affidabile e velocissimo, l’ mms composer intuitivo ed efficace, la possibilità di management messaggi invariata rispetto ai predecessori.
Unica novità, nella messaggistica, un tutorial per impostare i parametri della propria casella di posta elettronica, che velocizza e semplifica l’introduzione dei parametri.
Purtroppo non è presente l’opzione, come nel nokia 9300i, che permette di specificare più smtp in base alla connettività usata, sia essa UMTS o Wlan.
La configurazione della connettività, punti di accesso e wlan è davvero semplice ed efficace.
Per quanto riguarda l’accesso via rete GSM o UMTS siamo incredibilmente facilitati dal wizard che ci permette di creare i punti d’accesso ad hoc in base al nostro operatore (con vodafone li ha creati alla perfezione, anche l’accesso al portale vodafone live), per quanto riguarda invece la wlan, a seconda se ci troviamo davanti a una rete wireless protetta o meno, dovremo inserire i parametri della rete.
Presenti gli standard di protezione wep e anche il più sicuro wpa e, al contrario degli smartphone qtek e imate, il Nokia prevede anche la possibilità di collegarsi a quelle reti che non prevedono l’assegnazione automatica di Ip e Dns.
La connessione avviene in maniera semplicissima, quando apriamo un programma che prevede la connessione internet (mail o web che sia) si apre una finestra di dialogo che ci avverte della presenza di reti wi-fi e ci consente di selezionare la connettività che preferiamo, sempre che non abbiamo settato una connessione come predefinita per quell’applicazione, nel qual caso la finestra di dialogo non si aprirà e dovremo agire manualmente per cambiare connessione in uso.
Non c’è quindi un vero e proprio switch on-off per il wi-fi, ma questo si attiva in automatico secondo la necessità.
Altra opzione interessante per il wi-fi è la possibilità di scansione delle reti in background ogni tot minuti, utile se ci troviamo in aeroporti, stazioni o alberghi dove c’è la possibilità di connettersi a molti hot-spot pubblici.

La velocità, ovviamente, è influenzata dal tipo di connettività, ma abbiamo trovato che, anche in semplice gprs, la connessine sia veloce.
In umts la navigazione internet, anche da telefono ha una marcia in più, velocità paragonabile alla connettività wi-fi ad una rete con ADSL a 1 mbit, probabilemente la velocità di questa connessione è superiore, ma i tempi di rendering delle pagine fan si che sia assimilabile alla navigazione UMTS.
In browser di serie è davvero ben fatto, possiamo anche evitare, su questo symbian, di installare browser alternativi quali opera mini o opera per symbian.
C’è la possibilità della visualizzazione a schermo intero o giustificata per larghezza e, nel caso scegliessimo la visualizzazione fedele alla pagina originale, muovendoci per la pagina attiveremo una sorta di zoom che ci permette di selezionare quale porzione di pagina visualizzare sul display, davvero comodo ed efficace, oltretutto con una buona velocità di scrolling e di rendering.
Peccato non ci sia la possibilità di ruotare lo schermo in orizzontale, sarebbe stata la ciliegina sulla torta.
Per quanto riguarda i programmi java, ne abbiamo testati un paio, opera mini compreso, e funzionano senza problemi.
Il problema viene dai programmi pensati per la serie 60, incompatibili con questa release del symbian.
Sentiamo la mancanza, principalmente, del software di navigazione satellitare.
Siamo però certi che il porting delle applicazioni non sia così traumatico e che a breve vedremo comparire le prime applicazioni compatibili, è solo questione di tempo.
Passando ad analizzare la rubrica non notiamo particolari differenze rispetto alle precedenti serie: solita rubrica, completissima, ben fatta e senza limitazioni di memoria.
C’è invece una piacevole novità per quanto riguarda la gestione vocale: oltre alle solite funzioni, che ben si comportano, è presente l’opzione di pronuncia del chiamante al secondo squillo.
Per intenderci, quando "Roberto" vi chiamerà, il telefono, se lo vorrete, squillerà 1 volta, poi vi pronuncierà, con voce sintetizzata, il nome "Roberto", poi continuerà a squillare normalmente; comodissimo se avete abbinato il telefono ad un auricolare Bt che tenete all’orecchio e custodite invece il telefono in una tasca.

Le applicazioni office preinstallate sono le solite, l’agenda multicampo ben fatta, il to-do solito, la calcolatrice come abbiamo già visto su altri symbian.
Purtroppo Nokia non ci da di serie la suite per office, ma, probabilmente, non è ancora stata portata.
E’ presente il registratore vocale e il convertitore di valute e unità, molto funzionale come al solito.
Veniamo ora ad una delle parti più interessanti del telefono, la multimedialità.
Come anticipato prima, in questo Nokia, troviamo per la prima volta su un telefono in vendita in Italia la fotocamera a 3 megapixel (c’è anche lo Sharp 903 con una cam a 3,2 megapixel, ma non è in vendita nel nostro paese).
La risoluzione, di per se, non è sinonimo di buona o cattiva qualità delle fotografie, ma ne è un indicatore.
Appena si entra in modalità fotocamera il display si pone in modalità orizzontale, e si apre un menù dal quale è possibile settare davvero tanti parametri, per consentirci di sfruttare al meglio le condizioni di luce presenti.
Nel dettaglio è possibile regolare la modalità di scatto (a scelta tra automatico, utente, ritratto, paesaggio, sport, paesaggio notturno, ritratto notturno o lume di candela), il flash, con la funziona anti occhi rossi (per la verità non molto efficace), il bilanciamento del bianco, il valore di esposizione, se sovresporre o sottoesporre lo scatto, la tonalità colori, la nitidezza foto, la luminosità, il contrasto e la saturazione dei colori.
Davvero tantissimi parametri che influiscono in maniera considerevole sul risultato finale.
Ci siamo limitati a fare qualche prova e a scattare le fotografie con la funzionalità automatica, sicuramente la più usata da tutti.
Alla massima risoluzione le fotografie, da 2048 x 1536 pixel, sono ben definite, anche se, in condizioni di luce artificiale o scarsa, sono presenti righe e puntini, insomma, il classico rumore di fondo delle digitali in condizioni di scarsa luminosità.
E’ presente la funziona macro, attivabile con una levettina, che ci permette di fotografare soggetti molto ravvicinati.
Siamo riusciti a mettere a fuoco le nostre matite di test da circa 10 cm di distanza e il risultato in effetti è molto buono, con il soggetto perfettamente a fuoco.
Le foto in esterni sono anch’esse molto buone, anche se, a nostro parere, non si arriva alla qualità dell’ottica (aiutata dall’autofocus) del k750i.
Certo, qui la risoluzione è maggiore, ma il risultato finale è comunque di una certa pastosità dei dettagli.
In assoluto, comunque, un’ottima cam, stiamo pur sempre parlando di un cellulare!
Gioie e dolori, invece, per quanto riguarda i video.
La risoluzione è la classica 352×288, c’è la possibilità di scegliere se registrare in formato mp4 o gp3, ma il risultato è sempre un po’ pixeloso e a scatti.
E’ presente uno stabilizzatore elettronico d’immagine, il che aiuta nel caso di mano tremolante.

Passando alla parte "musicale" del telefono, notiamo invece come si sia evoluto, su questa versione di symbian, il lettore audio.
Bella l’interfaccia, ci mostra la canzone, il cantante e tutte le info registrate sugli id tag dell’mp3 in riproduzione.
Anche l’equalizzatore è efficace e ci permette, oltre a selezionare una curva di equalizzazione predefinita, anche di impostarne una personalizzata.
Completa il quadro "musicale" l’adattatore, compreso nella confezione, che permette di collegare al telefono qualsiasi cuffia stereo.
L’N80 ha integrata anche una radio FM, non rds, purtroppo, ma con il sistema (inutile finchè nessuna radio lo supporterà) visual radio.
La ricezione è buona, influenzata dalla posizione, mentre la qualità del suono è ottima.
Decade decisamente se veicoliamo l’audio verso la cassa mono del telefono e, comunque, la radio si può ascoltare solamente ad auricolare inserito, visto che fa da antenna.
Per quanto riguarda la galleria troviamo una simpatica novità: quando accediamo alle fotografie, nonché ai video, il display ruota di 90° e si posiziona orizzontalmente, il che ci permette di visualizzare meglio le fotografie a tutto schermo.
La velocità di accesso alle fotografie (anche se di dimensioni ragguardevoli, mediamente 800/1000K a foto) è stupefacente, così come il passaggio da una all’altra.
I video vengono riprodotti fedelmente e senza scattosità.
La visione di immagini, sia fisse che in movimento, rende davvero giustizia al display.

Una funzione davvero innovativa è la possibilità di condividere immagini e musica in rete locale, tramite la connessione wi-fi.
Per quanto riguarda la memoria troviamo installati a bordo 40Mb di ram, espandibili con schede di memoria mini sd (finalmente abbandonate le MMC RS DV).
Di serie troviamo una mini sd da 128 Mb, ma troviamo che, viste le spiccate doti multimediali del telefono, almeno una 512 Mb sia auspicabile.
Autonomia, gioia e dolore dei telefoni di ultima generazione.
L’N80 monta una BL5b, che può sembrare piccola e sottodimensionata rispetto le esigenze energetiche di cotanta tecnologia.
Bè, a stupire prima di tutto noi tester è stata l’autonomia raggiunta proprio con questa batteria.
Dopo un giorno di test intensi, connessioni wi-fi, bt, un’ora di telefonate, diversi sms, una videochiamata, partendo la mattina con una carica completa, siamo arrivati a sera con ancora 3 tacche di batteria.
Terminiamo la nostra prova con il consueto test del software in dotazione per il PC.
La nokia suite è una sicurezza ormai, da questo punto di vista.
Affidabile, veloce e con molteplici usi. Abbiamo sincronizzato i nostri 300 contatti multinumero e i nostri innumerevoli appuntamenti via bt in pochi secondi, una conferma di stabilità ed efficienza.
A conclusione della nostra prova dobbiamo dire che siamo incappati in 2 reset spontanei del terminale, random, una volta stavamo scrivendo un sms, la seconda navigavamo connessi in wi-fi.
Siamo di fronte a un terminale decisamente complesso e compatto e alla prima release software, ci sembra che il terminale sia già piuttosto stabile, anche se, come sempre, Nokia ci ha abituati a fare un po’ da beta tester per loro.

Immagini Nokia N80

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata Plug in
Supporta dual sim
Tipo di batteria Litio
Ricarica wireless
RAM
Memoria interna 40 MB
Memoria esterna Mini SD
Chipset
Reti supportate GPRS,EDGE,UMTS
Schermo pieghevole
Interfaccia utente 60
Sistema Operativo Symbian 9.1 (3rd Edition)
NFC
HDMI
Infrarossi
WiFi WiFi sì
USB
Bluetooth

Foto e video

Raw
Flash 1
Risoluzione massima
Stabilizzatore
Risoluzione massima foto
Zoom
* specifiche per sensore

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Riconoscimento iride