Redmi è la spin-off del colosso cinese Xiaomi e finora la casa madre non aveva mai smesso di supportare e distribuire update del firmware anche per gli smartphone più datati, andando ad aggiornare anche i device di cinque anni fa con il suo ultimo MIUI, ma ora sembra che questa pratica stia per finire. La società ha appena annunciato nei suoi forum che sette smartphone, tutti prodotti dalla controllata Redmi quando ancora non era un marchio indipendente, smetteranno di ricevere nuovi supporti software: non riceveranno alcun aggiornamento all’attesa MIUI 11 e neanche qualsiasi eventuale Beta Globale che Xiaomi dovesse sviluppare in futuro.

Smartphone Redmi senza aggiornamenti software

L’elenco completo degli smartphone Redmi in riferimento ai quali Xiaomi ha deciso di terminare gli aggiornamenti della ROM, a partire dal 4 aprile, include:

La decisione di apportare queste modifiche alla strategia di iterazione del sistema MIUI, spiega la pagina dedicata a questa notizia nella Community Mi, ricade nell’ambito della strategia globale del marchio di Redmi per garantire meglio la stabilità dei dispositivi del brand.

Sembra che lo stop all’aggiornamento del firmware riguardi tutte le versioni di questi smartphone, sia globali, che indiane o cinesi. Secondo quanto riportato dall’amministratore della Community Mi, il normale aggiornamento per gli altri dispositivi, anche se datati, non verrà modificato per il momento.

Lo stop al supporto Xiaomi dovrebbe riguardare solo update del firmware, mentre eventuali aggiornamenti di sicurezza dovrebbero continuare ad essere garantiti anche per i device presenti nel l’elenco sopra citato. C’è da aspettarsi, tuttavia, che anche questa politica non duri a lungo e che, più o meno a breve termine, Xiaomi smetta di supportare del tutto gli smartphone ritenuti più obsoleti.

Aggiornare la ROM alla versione stabile

Il team Mi consiglia di eseguire subito l’aggiornamento alla ROM stabile più recente nei dispositivi sopra elencati. Per farlo, bisogna andare alla pagina di guida al flashing della ROM e cercare qui il ROM Fastboot del dispositivo corrispondente, quindi scaricarlo. A questo punto sarà possibile aggiornare manualmente il proprio smartphone all’ultima ROM stabile tramite lo strumento di flashing. Attenzione: questa operazione cancellerà tutti i dati, quindi è consigliabile eseguire prima un backup dei dati che non si intendono perdere.

Fonte: Community Mi