Xiaomi dimostra risultati record nelle vendite di smartphone; di fatto, l’azienda è in aumento e incrementa  le vendite di trimestre in trimestre. Ciò non sorprende, perché con la caduta di Huawei si è aperta una nicchia che Xiaomi sta rapidamente riempiendo. Gli analisti di Canalys hanno riassunto i risultati del primo trimestre di quest’anno e sono giunti alla conclusione che i primi tre mesi di quest’anno sono stati il ​​miglior trimestre per il brand cinese fin dal suo esordio sul mercato.

Xiaomi: un trimestre da record

Nei primi tre mesi del 2021, l’azienda cinese è riuscita a spedire 49 milioni di smartphone e ad aggiudicarsi il 14% della quota di mercato. La crescita su base annua è stata di un impressionante 62%. E la cosa più interessante è che Xiaomi è dietro  ad Apple solo dell’1%. Il gigante di Cupertino ha spedito 52,4 milioni di iPhone contro i 37,1 milioni dell’anno precedente. La quota di mercato di Apple era del 15%.

E la prima riga della classifica dei maggiori produttori di smartphone è ancora detenuta da Samsung  che controlla il 22% della quota di mercato. In termini quantitativi, si tratta di 76,5 milioni di smartphone spediti. Il gigante sudcoreano sta mostrando stabilità e un anno prima la sua quota era la stessa; ma poi il volume delle unità vendute è stato di 59,6 milioni.

Continuano a crescere OPPO e Vivo, che sono riuscite a conquistare rispettivamente l’11% e il 10% della quota di mercato. In totale, nel primo trimestre di quest’anno, le spedizioni di smartphone sono ammontate a 347,4 milioni di unità contro i 272,5 milioni dell’anno precedente. Su base annualizzata, il mercato è in crescita del 27% e mostra forti segnali di ripresa dal calo dello scorso anno a causa della pandemia.

Lunedì, il CEO di Xiaomi Lei Jun ha annunciato sul suo account Weibo il primo importante risultato dell’azienda con il nuovo fitness tracker Mi Band 6. In meno di un mese, l’azienda ha venduto più di 1 milione di unità del dispositivo.

Ricordiamo che la smart band è stata presentata a marzo; una delle differenze rispetto alla generazione precedente prevede uno schermo AMOLED ingrandito a 1,56 pollici con bordi arrotondati e le cornici più sottili possibili intorno. L’azienda ha implementato il supporto per il monitoraggio dei livelli di ossigeno e l’abilitazione automatica del monitoraggio dell’allenamento.

Il costo della versione base del braccialetto senza NFC è di circa $ 35 e con NFC di circa $ 43. Una cifra di vendita così alta dimostra la domanda per il gadget in vari mercati. Vale la pena dire che tutte le generazioni di Mi Band sono diventate bestseller, quindi il successo del nuovo prodotto forse non sorprende.

Fonte:Android Authority