In una nota dal Ministero delle Comunicazioni, il ministro Landolfi ha dichiarato che dal primo luglio prossimo incomincerà la sperimentazione del WiMAX in Italia. I test dureranno sei mesi, al termine dei quali verrà proposto il bando di gara per l’assegnazione delle licenze. Le regioni interessate dalle sperimentazioni saranno Piemonte, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta e Abruzzo più le città di Roma, Milano, Arezzo e Parma. Una parte della banda di frequenza utilizzata dalle prove WiMAX è stata messa a disposizione dal Ministero della Difesa, a cui andranno a titolo di risarcimento parte dei ricavati.
Durante la conferenza di presentazione è stato anche annunciato un decreto che estenderà la possibilità di creare Hot-Spot Wi-Fi a tutto il territorio nazionale. Fino ad ora, invece, le reti wireless pubbliche potevano esistere solamente all’interno di aree pubbliche chiuse come stazioni, aeroporti e alberghi. Le associazioni di categoria si sono dette molto soddisfatte delle proposte del ministero.