L'implementazione della rete GPRS di Vodafone procede
a rilento. La motivazione della casa inglese è la mancanza di terminali. Come
conseguenza, anche il lancio del 3G subirà un notevole ritardo: i vertici del
colosso inglese indicano ora come il 2003 la data della loro commercializzazione.

Secondo Vodafone, le promesse dei costruttori non
sono state mantenute e dei nuovi terminali GPRS non vi è nemmeno l'ombra. I
primi arrivi massicci sono previsti per settembre. Quindi, la rete GPRS verrà
implementata più lentamente del programmato. Anche i cellulari UMTS sono in
netto ritardo e non si riuscirà ad averne abbastanza prima della metà del 2003,
di conseguenza Vodafone, ritarderà la costruzione della nuova rete.

La decisione è anche di carattere economico, visto
che sarebbe difficile far quadrare i bilanci dei prossimi anni, a causa degli
ingenti investimenti da effettuare per la posa delle nuove infrastrutture 3G
unite ai pagamenti delle licenze. Ovviamente, completamente contraria la situazione
in Borsa, dove l'annuncio ha creato il panico tra gli investitori e causato
un notevole calo delle azioni di Vodafone.