Nonostante la carenza globale di chip e altri semiconduttori, la Cina continua a registrare buone vendite nel mercato interno degli smartphone. Di recente, abbiamo visto che l’indebolimento di Huawei ha fatto salire OPPO al comando del segmento. Ora, secondo i dati rivelati da Counterpoint Research, la battaglia per la medaglia d’oro si è fatta più feroce del previsto; il motivo è semplice. Vivo è riuscita a superare il suo marchio gemello nel mese di marzo.

Vivo senza freni in Cina, scalzata la gemella OPPO

Huawei è stato un re indiscusso per il segmento degli smartphone premium, di fascia media e non solo. Tuttavia, con così tante sanzioni applicate nei suoi confronti, l’azienda oggi appare sofferente e lotta per la sua sopravvivenza.

L’anno scorso, ha anche venduto Honor a un gruppo cinese; al contrario, per il momento, la società di Ren Zhengfei si concentrerà solo sui device premium facenti parte delle serie “P” e “Mate”. Il business degli smartphone dell’azienda si è ridotto e i suoi colleghi sono riusciti a soddisfare una buona parte di nuovi clienti.

Con il lancio dei modelli Vivo Y30 e S9, il produttore è riuscito a superare OPPO. Attualmente, il marchio cinese è leader nel settore dei telefoni 5G in terra natia, qualcosa che avvantaggia ulteriormente la sua strategia in un momento in cui la maggior parte dei cinesi è già alla ricerca di dispositivi con supporto per il nuovo standard di rete.  Inoltre, Counterpoint Research afferma che Vivo sta adottando una strategia vincente utilizzando la controllata iQOO nei canali online.

Tuttavia, la battaglia ha ancora un intero anno da affrontare. Il GAP tra Vivo e OPPO è di soli 3 punti percentuali. Per questo motivo, entrambe le società intendono dichiararsi guerra nei mesi a venire. Yang Wang, analista senior per Counterpoint Research, ha dichiarato: “Vivo e OPPO stanno adottando strategie di mercato e di prodotto aggressive in Cina; speriamo di vedere i due brand continuare a lottare per la corona nel corso del 2021.

Vale la pena notare che c’è un fatto molto curioso in questo risultato: sia Vivo che Oppo appartengono allo stesso conglomerato BBK Electronics. Quindi, alla fine, questa è una sana lotta tra due sorelle. Quindi possiamo dire che né Vivo né OPPO possiedono il mercato cinese degli smartphone. In effetti, è BBK Electronics ad essere il nuovo sovrano. Non di meno, ricordiamo che questa holding gestisce anche Realme e OnePlus.

Quindi, in definitiva, la fine di Huawei sta rafforzando BBK piuttosto che concorrenti effettivi come Xiaomi e ZTE.

Honor sta muovendo i primi passi come un brand indipendente e non vediamo l’ora di vedere cosa realizzerà l’azienda prossimamente. Dopotutto, molti utenti la vedranno come “la nuova Huawei“.

Fonte:Counterpoint Research