Un team di ricercatori della Vanderbilt University di New York ha annunciato i risultati di una ricerca che prova come il cervello rallenti quando si trovi a fare due cose insieme.
Alcuni esperimenti condotti tramite risonanza magnetica hanno mostrato come la corteccia laterale frontale e prefrontale non riesca ad effettuare due attività iniziate nello spazio di 300 millisecondi l’una dall’altra, mettendo ‘in coda’ quella iniziata per ultima fino al completamento della prima.
I ricercatori hanno quindi evidenziato l’incompatibilità tra il guidare ed il telefonare, anche se si utilizza un dispositivo vivavoce o un auricolare, aggiungendo che al volante, oltre alla conversazione telefonica e alla guida, il guidatore si trova ad affrontare anche una serie di stimoli visivi che possono portare ad un ‘sovraccarico’ in grado di rallentare pericolosamente le reazioni.