In un mondo oramai dove la globalizzazione la fa da padrone e dove la tecnologia ha ridotto le distanze ai minimi termini fa impressione la grande ridda di diversi sistemi di comunicazione mobile cellulare diffusi sul Globo. Il cellulare universale ancora è ben al di là dal giungere ed in un ipotetico viaggio intorno al mondo ci si dovrebbe spesso trovare a cambiare sistema di comunicazione. Grazie, però, a TelASIC Communications l'utopico cellulare universale potrebbe finalmente divenire realtà.

La ditta californiana, infatti, ha annunciato di aver sviluppato un chip che racchiude tutti i maggiori sistemi di comunicazione mobile cellulare, il che consentirebbe la realizzazione di un telefonino utilizzabile su tutte queste reti. Il processore si chiama BaseFlex ed è compatibile con le reti GSM, con supporto GPRS ed EDGE, CDMA, W-CDMA, cdma2000 e TDMA. La forza del chip sta nella possibilità di variare il segnale radio riconosciuto a seconda della rete presente e della tecnologia, passando indifferentemente da sistemi 2G, a quelli 2,5G fino al 3G. La commercializzazione del chipset è ancora al di là dal giungere, ma la realizzazione di un cellulare universale appare meno utopica di prima.