A volte è colpa di un passeggero ritardatario, talvolta di un bug del dispositivo elettronico di turno. Nel caso dei due dozzine di voli di American Airlines è stata colpa di un problema del software usato sugli iPad dal pilota per tracciare la rotta e altre informazioni importanti per il volo. Stando a quanto riportato da Recode, alcuni piloti si sono trovati costretti, a causa del malfunzionamento, a tornare al gate e rinviare il volo finché il software non è stato sistemato.

Gli iPad di Apple
Gli iPad di Apple

In alcuni casi, il volo è ripartito senza problemi: i piloti sono riusciti ad aggirare il problema del software prima che l’aereo si alzasse da terra, durante la fase di imbarco. Il portavoce di American Airlines, Casey Norton, ha dichiarato alla testata di non essere a conoscenza del motivo di tali ritardi e ha smentito le prime segnalazioni che sono giunte sui social network riguardanti un problema al sistema di alcuni aerei.

Un aneddoto che non influenzerà minimamente né le vendite degli iPad né l’immagine di Apple, che comunque non ha voluto per il momento commentare la vicenda, e che si è risolta solo con qualche viaggiatore irritato dal ritardo degli aerei.

Nell’ultimo trimestre fiscale gli iPad venduti sono stati più di 12 milioni, in calo del 41 per cento rispetto a dicembre 2014 e del 23 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014.