TikTok ha designato il 9 febbraio come il giorno in cui sarebbero state avviate in massa le verifiche dell’età di ogni singolo utente in Italia. Come da programma, effettivamente stamattina diversi utenti hanno già trovato il loro profilo bloccato ed hanno dovuto sbloccarlo verificando la loro età. Come? In modo fin troppo semplice.

TikTok: il 9 febbraio la verifica dell’età

Dopo le annose questioni degli ultimi giorni, la necessità di accertarsi che sul social dei mini video non ci fossero minori di 13 anni è diventato un obbligo al quale la piattaforma doveva ottemperare nel più breve tempo possibile.

Per questo motivo, è stata scelta la giornata odierna come data per controllare un’informazione fondamentale, che dovrebbe essere alla base dell’iscrizione a qualsiasi social network. Così è stato: stamattina, e nei giorni a seguire, chiunque proverà a entrare sulla piattaforma si troverà davanti uno screenshot come il seguente e sarà impossibilitato a usare il proprio profilo.

Qual è l’unico modo per sbloccare l’account? Inserire la data di nascita, che dovrà corrispondere a quella di un utente che abbia almeno 13 anni. Diversamente, il profilo dovrebbe essere cancellato. Che succederebbe se la data inserita fosse falsa? Non lo sappiamo con certezza, ma vien da pensare che non accadrebbe nulla perché, di fatto, non viene richiesto alcun documento a supporto della dichiarazione dell’utente.

La domanda quindi è: quella del 9 febbraio è una verifica atta a tutelare gli utenti più giovani oppure un mero scarico di responsabilità di TikTok, attraverso un’autocertificazione?