È stata battezzata The Net l’operazione che ha consentito di assestare un ennesimo duro colpo alla diffusione illegale di contenuti televisivi tramite IPTV pirata. A condurla i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano coordinati dalla Squadra Reati Informatici della locale Procura della Repubblica di Milano.

Smantellata una IPTV pirata da 50.000 utenti

Il comunicato che abbiamo ricevuto in redazione si riferisce allo smantellamento di una delle principali organizzazioni attive in questo ambito. Di quali contenuti si tratta? Partite di calcio trasmesse in diretta delle competizioni nazionali e internazionali oltre a una enorme quantità di contenuti on demand tra cui film, serie TV e show.

Le indagini hanno preso il via in seguito ad accertamenti preliminari eseguiti da Sky Italia e Lega Serie A al fine di individuare le piattaforme che consentivano la fruizione dei contenuti con le modalità tipiche delle IPTV pirata. Un’operazione che tra le altre cose conferme le evoluzioni delle tecniche impiegate, ormai in grado di andare oltre le protezioni innalzate dagli utenti per mezzo di strumenti come VPN o altri sistemi per l’anonimato.

Le successive investigazioni hanno rivelato l’esistenza di un’articolata organizzazione, operante in diverse regioni del territorio nazionale, dedita alla vendita e distribuzione di dispositivi di decodificazione idonei a permettere l’accesso al servizio criptato IPTV per fruire di contenuti televisivi, senza il pagamento del canone dovuto; i fruitori del servizio pirata ottenevano dall’organizzazione anche assistenza tecnica per la manutenzione dei dispositivi elettronici.

Stando a quanto reso noto l’infrastruttura era composta da centinaia di siti. Gli indirizzi IP di coloro collegati (circa 50.000 utenti) sono stati raccolti e le autorità stanno procedendo all’identificazione. Già denunciati tre soggetti per il reato previsto dall’articolo 171-ter della legge sul diritto d’autore.