Telefonino.net ha provato la nuova rete 4G LTE di Vodafone su un Galaxy Note II di Samsung. Per effettuare un semplice paragone con una tradizionale rete 3G abbiamo utilizzato un Galaxy Note II con una SIM card dell’operatore 3 Italia. Il test è stato effettuato in una zona centrale di Milano.

Effettuando la prova con il classico sito “Speedtest” abbiamo rilevato, mediamente, una velocità in download di circa 26/32mbps mentre in upload abbiamo raggiunto picchi di circa 23mbps con un ping medio di 20/25ms.

Vodafone LTE

Nell’utilizzo “quotidiano”, la navigazione web è sicuramente più veloce in LTE ma la differenza con una normale rete 3G si percepisce meno. Dove invece il 4G si mostra in tutta la sua potenza è nel download di applicazioni dal market oppure di file di grandi dimensioni, come ad esempio allegati di posta elettronica.

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Provando ad effettuare una chiamata vocale, durante l’utilizzo della rete 4G, la connessione passa in 3G per poi tornare in 4G non appena la terminamo. Provando la connessione 4G in modalità “tethering”, collegando un PC, le prestazioni sono paragonabili a quelle rilevate da smartphone.

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Ricordiamo che per sfruttare le potenzialità del 4G è sufficiente possedere uno smartphone compatibile, una SIM 4G ed attivare la nuova offerta dedicata al costo di 10 euro al mese in più rispetto al proprio piano tariffario. L’offerta è disponibile sia per i privati, sia per le aziende.

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Vodafone LTE
Vodafone LTE

Allo scopo di permettere a tutti i clienti di sperimentare le prestazioni del 4G, Vodafone Italia ha scelto di offrire ai clienti l’accesso gratuito al servizio fino 31 marzo 2013. Al termine del periodo di prova, i clienti potranno scegliere se attivare l’offerta, oppure continuare ad utilizzare il proprio smartphone su rete 3G.

La rete 4G di Vodafone è già attiva a Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Torino, Padova e Palermo ed, entro il mese di Marzo, si arriverà a 20 città.