Sony Ericsson ha chiuso il quarto trimestre 2009 con una perdita di 167 milioni di euro dai 187 milioni di rosso del corrispondente trimestre dell’anno prima, ma in lieve aumento rispetto ai 164 milioni registrati nel periodo luglio-settembre 2009.

Il 2009 per la joint venture nippo-svedese ha significato un rosso di 836 milioni di euro, in netta crescita rispetto alla perdita di 73 milioni dell'anno prima. In confronto al 2008 i ricavi sono scesi da 11,24 a 6,788 miliardi di euro, mentre il numero di cellulari venduti è passato da 96,6 a 57,1 milioni. Nel quarto trimestre 2009 sono stati venduti 14,6 milioni di cellulari, mentre nei dodici mesi precedenti le unità vendute erano state 24,2 milioni.

La quota di mercato attualmente detenuta da Sony Ericsson è pari a circa cinque punti percentuali. “Il 2010 resta un anno di sfide poiché la riduzione dei costi si farà sentire sui conti non prima del secondo semestre, siamo comunque fiduciosi di essere nella giusta direzione”, ha spiegato Bert Nordberg, Presidente di Sony Ericsson.