Secondo quanto si apprende in queste ore, sembra che Huawei abbia letteralmente copiato la mossa di Apple. Di cosa stiamo parlando? Semplice: il colosso di Cupertino mesi fa ha dichiarato che avrebbe venduto i suoi nuovi telefoni senza il caricabatterie in confezione. Dopo esser stata derisa dal pubblico, dai media e dagli altri brand, ora sembra che le aziende rivali stiano facendo la stessa cosa. Dopo Xiaomi, Samsung, adesso è il turno della compagnia cinese di Ren Zhengfei.

Huawei sta vendendo flagship senza caricabatterie

La maggior parte delle funzionalità tecnologiche in uso sugli smartphone oggi potrebbero non essere state inventate da Apple, ma la popolarità del marchio ha fatto sì che qualunque cosa faccia la società di Tim Cook diventi poi una tendenza. Prendiamo in esempio il design del notch. Allo stesso modo, l’industria della telefonia mobile ha gradualmente iniziato ad adottare la decisione di Apple di spedire gli ultimi modelli di iPhone 12 senza un adattatore di ricarica all’interno della confezione. Samsung e Xiaomi sono le aziende che hanno successivamente implementato la stessa iniziativa e hanno rimosso il charger dalla scatola al dettaglio.

Huawei no charger

Ebbene, Huawei si è unita con stile all’elenco anche se non è stato fatto alcun annuncio al riguardo. La società ha invece rilasciato silenziosamente nuovi modelli dei suoi modelli di punta senza l’adattatore di ricarica all’interno della confezione. L’azienda ha rilasciato quattro nuovi modelli (Mate X2, Mate 40 Pro, Nova 8 Pro e Nova 8) nei negozi offline con l’adattatore di ricarica assente dalla confezione. Gli utenti tuttavia, hanno la possibilità di scegliere la variante senza caricatore o la versione normale del pacchetto. Senza charger, c’è uno sconto sul prezzo di circa 200 yuan (in Cina).

Huawei no charger

Oltre a proteggere l’ambiente, il motivo principale per cui Huawei potrebbe aver seguito questa linea è quello di conservare i suoi chip IC di ricarica. Secondo quanto riferito, la società ha immagazzinato alcune scorte di chip IC di ricarica prima che il divieto venisse applicato. Quindi, sta particolarmente attenta a non rimanere senza scorte. I produttori cinesi di semiconduttori stanno lavorando sodo, tuttavia, per vedere che i chip, in particolare quelli che caricano chip IC con requisiti di processo bassi, possano venir prodotti localmente.

Fonte:Gizmochina