Cresce, negli Stati Uniti, il numero delle compagnia telefoniche che dismettono le "vecchie" cabine, diventate antieconomiche a causa della mancanza di utenti e degli elevati costi di manutenzione. Nel Rhode Island alla fine dell’anno scorso sono state eliminate 284 cabine. "Quasi tutti hanno un cellulare e anche gli automobilisti che hanno guasti preferiscono non scendere dall’auto" ha dichiarato un portavoce della compagnia telefonica locale. Dal 1999 ad oggi il numero di chiamate fatte dalle cabine si è più che dimezzato, con 182 milioni di possessori di telefonino e una penetrazione sul mercato di circa il 50% è facile prevedere che le cabine finiranno sempre di più nel dimenticatoio. Ci sono problemi anche per quanto riguarda la manutenzione: la maggior parte degli apparecchi publici utilizza tecnologie molto vecchie e iniziano a scarseggiare i pezzi di ricambio: lo stato della Louisiana lo scorso anno ha comprato cabine dismesse da altri stati destinandole a pezzi di ricambio. Gli stati dove le cabine telefoniche resistono ancora sono quelli che hanno vaste aree rurali, dove la telefonia cellulare non viene giudicata al momento abbastanza affidabile per garantire la possibilità di effettuare chiamate d’emergenza o assistenza. Quasi tutti i gestori telefonici sono concordi nell’affermare che i ricavi ottenuti non bastano a giustificare le spese di manutenzione o aggiornamenti tecnici.