Vi avevamo anticipato che Samsung Galaxy Note 20 avrebbe molto probabilmente avuto a bordo un display con refresh rate da 120Hz: pare che l’indiscrezione fosse errata ed è stata rettificata dallo stesso leaker. Secondo lui, la versione standard del phablet non avrà questa caratteristica, che rimarrà riservata al modello Plus.

Samsung Galaxy Note 20: refresh rate standard

Quello che vi abbiamo raccontato qualche giorno fa, raccontava di un Note 20 dotato di refresh rate da 120Hz, ma di tipo OLED LTPO. Con questa tecnologia, il refresh rate dovrebbe essere in grado di adeguarsi alla tipologia di attività svolta con il device, così da valutare quale sia il refresh rate migliore da utilizzare in ogni contesto.

Sembra che la caratteristica resti, per il momento, confermata. Tuttavia, non sarà a bordo di Samsung Galaxy Note 20, ma solo Note 20+. La ragione della scelta sarebbe da ricercarsi nella necessità di preservare l’autonomia energetica dello smartphone più compatto. Il tweet spiega che Samsung Galaxy Note 20 avrà uno schermo LTPS, che costa meno di un LTPO, e quindi il refresh rate è meglio che resti da 60 Hz. Infatti, l’accoppiata 120Hz e tecnologia LTPS potrebbe rivelarsi un mix pericoloso per la durata della batteria dello smartphone.

Al momento non abbiamo conferma ufficiale alcuna nemmeno di questa indiscrezione, naturalmente, ma l’ipotesi ci sembra parecchio plausibile.