AMD, MediaTek e Qualcomm hanno aumentato la domanda per i chip realizzati secondo il processo a 7 nm nel primo trimestre del 2021.

Qualcomm, MediaTek e AMD “aiutano” TSMC

Nonostante il mondo soffra di una carenza globale di semiconduttori, la domanda di vari dispositivi ha visto un notevole aumento negli ultimi tempi. Ciò ha portato vari giganti della tecnologia ad aumentare i loro sforzi di approvvigionamento di componenti, il che ha portato le fonderie a registrare entrate record, con TSMC che ha ottenuto un costante aumento delle entrate grazie all'elevata domanda per i suoi chipset realizzati con il processo a 7 nm da parte di AMD, Qualcomm e MediaTek.

Secondo un rapporto di TrendForce, le prime 10 fonderie di tutto il mondo hanno registrato entrate record nel primo trimestre di quest'anno. Ciò è stato reso possibile dall'aumento dei prezzi dei semiconduttori, poiché al momento le fonderie devono far fronte a capacità di produzione limitate per i chipset. Questi impianti hanno inoltre registrato ricavi per 22,75 miliardi di dollari USA nel primo trimestre del 2021, con TSMC in testa alla classifica.

Il più grande produttore di chip a contratto del mondo da solo ha ottenuto 12,9 miliardi di dollari di entrate solo nel primo trimestre. Ciò è stato abilitato a causa dell'elevata domanda per il suo nodo di processo a 7 nm, a 12 nm e persino a 16 nm. I produttori di chip Fabless come AMD, Qualcomm e MediaTek sono stati una parte importante delle entrate record poiché i loro ordini sono rimasti coerenti nonostante l'aumento dei prezzi.

TSMC ha registrato un aumento delle entrate pari al 23% , trimestre dopo trimestre, grazie alle vendite dei chip a 7 nm. Ciò è indicativo anche dell'elevata domanda di processori basati su processi avanzati. Ma a causa della carenza di capacità della fonderia che dovrebbe continuare anche nel secondo trimestre di quest'anno, i prezzi dei wafer continueranno a salire.

In altre parole, si prevede che i ricavi dei principali chipmaker continueranno a crescere. Nel frattempo, molti governi e produttori di chip stanno cercando di investire nell'espansione dei siti di produzione in tutto il mondo per cercare di alleviare il problema della carenza di semiconduttori.

Fonte:Business Wire