OnePlus One è stato uno dei terminali Android più discussi del 2014. Un po’ per l'eccellente rapporto qualità/prezzo e un po' per l'inusuale sistema di commercializzazione a inviti, necessario però per bilanciare domanda e offerta. OnePlus Two riparte da qui: sia dal sistema a inviti, che tornerà come hanno spiegato i dirigenti cinesi, che dall'hardware.

In particolare, secondo una fonte di Business Insider, OnePlus Two sarà uno smartphone più "premium" rispetto alla prima generazione. Uno dei modi con cui la società raggiungerà questo obiettivo è l'utilizzo di una cornice in metallo (OnePlus One aveva invece una scocca unica in policarbonato). Questa decisione di design inciderà anche sul prezzo, che dovrebbe essere più alto rispetto a quello attuale (269 euro per 16 GB e 299 euro per 64 GB). Two si distinguerà rispetto alla generazione in commercio anche per altri motivi, ma al momento è difficile dire quali. Possibile l'adozione di uno schermo Quad-HD oppure di particolari sensori come la rilevazione del battito cardiaco o delle impronte digitali. In ogni caso, la fonte anonima ha sottolineato che nessun dettaglio riguardo la commercializzazione è stato finalizzato e che tutto è soggetto a potenziale cambiamento.

OnePlus One 01
OnePlus One 01

Secondo le precedenti indiscrezioni, comunque, il prezzo finale dovrebbe essere significativamente inferiore ad altri top di gamma tradizionali di Samsung, HTC e Sony, ma più alto rispetto a quello a cui viene proposto One. Non ci sono altri dettagli riguardo l'hardware interno.

OnePlus One 02
OnePlus One 02

Intanto, OnePlus si espande e ha annunciato che permetterà ad altri 16 paesi europei di acquistare online il suo One: Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Polonia, Romania, Slovenia e Slovacchia. "Crediamo che le grandi cose debbano essere condivise", si legge sul forum di OnePlus. "Ecco perché il nostro obiettivo, sin dal primo giorno, è stato di mettere il OnePlus One nelle mani di più persone possibili nel mondo".