OnePlus ha appena confermato che il primo budget phone economico dell’azienda, il Nord N100, ha – in realtà – un display a 90Hz, nonostante sia stato presentato con un refresh rate limitato a soli 60 Hz.

OnePlus Nord N100: qual è il refresh rate effettivo?

Nel settembre dello scorso anno, OnePlus ha presentato una grande nuova feature, promettendo che l’avrebbe inserita in ogni suo futuro device: stiamo parlando della tecnologia Fluid Display relativa ai pannelli dei suoi smartphone. Ovviamente questa nomenclatura è puramente commerciale: in poche parole, si tratta soltanto del nome “consumer” degli schermi AMOLED con frequenze di aggiornamento elevate (90, 120, 144 Hz).

Tuttavia, OnePlus Nord N100, il primo telefono di fascia bassa prodotto dalla compagnia di Pete Lau, è stato presentato con una display avente il refresh rate limitato a soli 60 Hz. Questo dato fu confermato – all’epoca – anche da un rappresentante ufficiale di OnePlus. Di fatto, la notizia era molto curiosa, poiché l’N100 è palesemente un OPPO A53 ribrandizzato. Sappiamo infatti, che quest’ultimo gode di un’unità da 90Hz: ciò significa che OnePlus, non solo ha posto una limitazione alquanto inutile, ma starebbe anche infrangendo anche la sua precedente “promessa”.

Ora, però, la situazione sembra essere nuovamente cambiata. I colleghi di Android Authority hanno acquistato un Nord N100 nel Regno Unito e, scavando all’interno del menù della OxygenOS, hanno scovato l’opzione relativa alla frequenza di aggiornamento a 90 Hz. Di tutta fretta, hanno contattato OnePlus in merito, la quale ha dichiarato:

L’N100 è dotato di un display a 90 Hz. La frequenza di aggiornamento effettiva dipende dalle impostazioni, dalle applicazioni utilizzate e dai limiti di elaborazione.

Nord N100: cosa sta succedendo qui?

Perché OnePlus ha riferito che questo telefono aveva un display a 60Hz e poi invece, ha cambiato idea affermando il contrario? Ci sarebbe a tal proposito, una teoria sviluppata da Android Authority.

È ovvio che OnePlus Nord N100 è un dispositivo OPPO rinominato: quest’ultimo ha una frequenza di aggiornamento del display pari a 90Hz. La compagnia cinese avrebbe dovuto quindi, essere in grado di mantenere la sua promessa, portando la suddetta feature anche sul pannello del suo primo budget phone.

Tuttavia, le specifiche tecniche limitate del Nord N100 impediscono a quell’elevata frequenza di aggiornamento di essere fluida ed efficace su tutte le app e la società lo avrebbe anche ammesso nella sua dichiarazione. OnePlus si è quindi trovata di fronte a una scelta: promuovere il telefono come dispositivo “Fluid Display” consapevoli degli evidenti limiti, oppure promuovere il telefono come un classico device dallo schermo standard.

Ad ogni modo, smanettando all’interno delle impostazioni troverete i diversi valori relativi alle frequenze di aggiornamento. Non è stato dimostrato come possa girare il telefono con i 90 Hz attivi: di fatto, potreste riscontrare dei problemi in alcune app. State attenti.

Fonte:Android Authority