OneOdio Monitor 60: le vere cuffie professionali a basso costo

Le OneOdio Monitor 60 sono riuscite a stupirci positivamente dal punto di vista della qualità, rappresentando una delle migliori alternative per qualità/prezzo.

Il mondo delle cuffie Hi-Fi propone una quantità di prodotti davvero infinita per ogni gusto ed esigenza di budget. Quelle che andremo a recensire oggi sono cuffie monitor, che fanno del rapporto qualità/prezzo il loro punto di forza. Si tratta delle OneOdio Monitor 60, un paio di cuffie certificate Hi-Res Audio che sono riuscite a stupirci da moltissimi punti di vista.

Sono cuffie che riescono alla perfezione nel loro intento, ma non manca qualche nota dolente, tutto sommato non così rilevante considerando il tipo di utilizzo a cui sono destinate. Abbiamo comunque ritenuto giusto riportare pregi e difetti delle Monitor 60, così da offrire un punto di vista a 360 gradi su un prodotto che abbiamo apprezzato davvero molto.

Packaging OneOdio Monitor 60

Recensione OneOdio Monitor 60 - 1

Il packaging è forse l’aspetto che ci ha soddisfatto meno del prodotto. La ragione è molto semplice: la protezione. Seppur ben realizzata esteticamente ed esternamente, all’interno ci ha lasciato un po’ perplessi. La confezione esterna è spessa e rigida, molto simile a quelli di prodotti di fascia alta dal costo decisamente più elevato. Buona anche la presentazione, con l’intera scheda tecnica riportata posteriormente, che dimostra la fiducia dell’azienda verso il prodotto in questione.

Una volta aperta la scatola, però, il vano interno non presenta la minima protezione. Non c’è spugna, né alloggi preformati, ma semplicemente le cuffie contenute in una custodia da viaggio ed i cavi, separati da un cartoncino decisamente sottile. Tuttavia, va considerato che da qualche parte bisognava pur risparmiare, quindi abbiamo comunque apprezzato la scelta di OneOdio di risparmiare sul packaging piuttosto che sul prodotto in sé.

Recensione OneOdio Monitor 60 - 3

All’interno della confezione troviamo le cuffie, una pratica custodia da viaggio in pelle PU discretamente realizzata, un cavo jack da 3,5mm a 3,5mm, uno da 3,5mm a 6,35mm, uno da 3,5mm a 3,5mm con microfono e telecomando (che approfondiremo) e un foglietto di istruzioni. Nel complesso la dotazione è piuttosto generosa, OneOdio fornisce qualsiasi accessorio di cui potremmo avere bisogno. Da questo punto di vista OneOdio ha svolto un ottimo lavoro, abbiamo apprezzato la scelta di includere accessori piuttosto utili.

Design OneOdio Monitor 60

Il design è uno degli aspetti che abbiamo apprezzato di più di queste OneOdio Monitor 60. L’archetto è realizzato in plastica con un rinforzo in metallo che garantisce resistenza e durabilità, i padiglioni mixano sapientemente plastica e metallo e presentano una griglia sulla parte esterna, sotto la quale è ben visibile il logo dell’azienda.

oneodio monitor 60

Sia l’archetto che i padiglioni sono ben imbottiti con del materiale memory foam di ottima qualità, anche se un po’ di imbottitura in più sull’archetto non avrebbe guastato, mentre i padiglioni ne presentano davvero in abbondanza. Questi ultimi possono essere ruotati orizzontalmente di 180 gradi e verticalmente di 360. Inoltre, possono essere ripiegati per rendere le cuffie decisamente meno ingombranti e più semplici da trasportare.

Il comfort generale è ottimo, anche dopo lunghe sessioni di ascolto non si avverte alcuna pressione fastidiosa sulla testa e i padiglioni sono veramente ben realizzati. Ottima, infatti, la qualità costruttiva: la scocca non presenta alcuno scricchiolio, né durante le rotazioni o ripiegamenti, né quando vengono indossate. Questo è uno degli aspetti che ci ha stupito maggiormente, considerando che alcune cuffie di fascia alta – all’apparenza costruite con materiali premium – spesso non sono esenti da fastidiosi scricchiolii.

Non possiamo ancora esprimerci sulla durabilità, ma dopo oltre due settimane di uso piuttosto intenso, le cuffie non hanno mostrato assolutamente differenze rispetto al primo giorno.

Prestazioni OneOdio Monitor 60

Giungiamo quindi alla parte più consistente di questa recensione: le performance. Trattandosi di cuffie con filo, abbiamo deciso di provarle praticamente in ogni scenario: musica, videogiochi intrattenimento. In generale le OneOdio Monitor 60 si sono rilevate decisamente versatili, adattandosi ad ogni contesto, anche se inevitabilmente ci sono stati alcuni settori in cui sono riuscite a dare sensazioni sensibilmente migliori rispetto ad altri.

Prima di darvi le nostre impressioni, approfondiamo un attimo le specifiche tecniche. Le cuffie riescono a coprire uno spettro di frequenze che va dai 20Hz ai 40kHz, un valore decisamente alto e che ha garantito la certificazione Hi-Res Audio. L’impedenza è di 38Ohm e consente di pilotarle con ottimi risultati anche dai dispositivi mobili, anche se naturalmente il meglio lo si ottiene collegandole ad un impianto Hi-Fi.

Le cuffie sfruttano inoltre un doppio ingresso, uno da 3,5mm e l’altro da 6,35 esclusivo chiamato Share Port che consente diverse funzionalità interessanti. La prima è senza dubbio quella di condividere l’audio con un altro paio di cuffie, sfruttando la medesima sorgente audio. È possibile anche, ad esempio, collegare le cuffie simultaneamente all’impianto audio da un lato e all’amplificatore per la chitarra dall’altro. Insomma, il ventaglio di possibilità è davvero ampio e consente di gestire la produzione musicale in maniera estremamente semplice.

Recensione OneOdio Monitor 60 - 7

Musica

Il settore musicale è senza dubbio quello in cui le cuffie esprimono il loro massimo potenziale. La qualità del suono in questo caso ci ha davvero sorpreso, con un livello di dettaglio che non ci saremmo aspettati in questa fascia di prezzo. Con la musica classica ogni tocco o pizzico sulle corde della chitarra viene riprodotto in maniera dettagliata, i bassi sono potenti e precisi, senza andare in alcun modo a invadere i toni medi e alti. Il bilanciamento delle frequenza è decisamente buono, con una distinzione netta di ogni suono.

Anche la spazialità è incredibile, il design semi-aperto garantisce un soundstage davvero ampio, nettamente superiore rispetto a quello proposto da una qualsiasi cuffia di tipo chiuso. Questo ci ha garantito un coinvolgimento molto più profondo e senza quel tradizionale timbro un po’ ovattato, immancabile sulle cuffie con posteriore completamente chiuso. Le OneOdio Monitor 60 se la cavano egregiamente anche con altri generi, dal pop al rock, dal rap al metal, grazie ad un suono equilibrato con bassi sempre pieni e potenti. In sostanza l’ascolto musicale è esattamente l’ambiente in cui le Monitor 60 trovano il proprio habitat naturale, offrendo una qualità inaspettata per un prodotto dal costo inferiore ai 100 euro.

Intrattenimento

Naturalmente non ci siamo negati la visione di qualche buon film o serie TV, durante i quali le cuffie hanno offerto un’esperienza quasi di pari livello rispetto a quello musicale. Senza dubbio, il soundstage ha svolto un ruolo fondamentale e grazie alla scheda audio dedicata siamo riusciti a godere di un ottimo surround virtuale. I bassi decisamente consistenti hanno garantito un coinvolgimento ottimale durante le esplosioni o gli scontri a fuoco, seppur da questo punto di vista alcuni prodotti concorrenti riescono ad offrire soluzioni che danno l’impressione di avere un vero e proprio subwoofer a disposizione. Non è questo il caso, ma i bassi sempre presenti e pronunciati hanno reso questa mancanza a decisamente meno evidente. Nel complesso, anche per l’intrattenimento queste OneOdio si sono rivelate un prodotto interessante, che non fa gridare al miracolo, ma che – pur non offrendo bassi da impianto home cinema – riesce a garantire una precisione e un dettaglio notevoli.

Videogiochi

Anche nel settore dei videogiochi, le soluzioni audio hanno spostato l’asticella verso l’alto e sempre più giocatori sfruttano cuffie Hi-Fi abbinate ad un buon DAC e amplificatore. Questa è una delle ragioni per cui anche i produttori di schede audio gaming si concentrano sempre più sulla fedeltà del suono piuttosto che sul numero di funzionalità dei loro prodotti. Anche se in linea di massima le OneOdio Monitor 60 propongono una qualità discreta, i videogiochi rappresentano forse il vero tallone d’Achille di queste cuffie. La ragione è da ricercare più che altro nel timbro di queste cuffie, che pone un accento considerevole sulle basse frequenze, questo si fa notare soprattutto negli fps (pensiamo in particolare a Rainbow Six Siege) dove l’audio di gioco richiede bassi quasi muti per poter distinguere ogni movimento dell’avversario. In questo caso abbiamo dovuto giocare davvero tanto con l’equalizzazione, ottenendo risultati buoni, ma distanti da altre soluzioni disponibili sul mercato. Questo non significa che funzionino male, anzi il soundstage ampio offre senza dubbio un suono coinvolgente ed una spazialità di livello superiore, ma ci sono prodotti dedicati o anche Hi-Fi che si adattano meglio allo scopo.

Microfono

Un piccolo appunto va dedicato al cavo con microfono integrato, un’aggiunta che abbiamo apprezzato particolarmente. Ssi tratta di una soluzione comoda per gestire le chiamate e la riproduzione musicale dallo smartphone, grazie al pulsante che – a seconda delle pressioni – consente di mettere in pausa, andare alla traccia successiva, a quella precedente e naturalmente rispondere alle telefonate.

Tuttavia, si è rivelato un microfono di buona qualità anche durante le sessioni di gaming, comunicando in maniera efficace con i compagni di squadra su Discord e TeamSpeak. Si tratta quindi di un valore aggiunto a cui va dato merito, pur non essendo un microfono professionale, funziona decisamente bene.

Conclusioni OneOdio Monitor 60

Alla luce di quanto detto, naturalmente le OneOdio Monitor 60 si presentano come un’alternativa più che valida ai marchi più blasonati, offrendo una qualità generale degna di una fascia più alta, sia dal punto di vista sonoro che in termini di qualità costruttiva. Sicuramente le consigliamo a chi è orientato ad un utilizzo per lo più musicale, poiché è l’ambito in cui le cuffie esprimono il loro massimo potenziale. Si tratta comunque di un prodotto estremamente versatile e in grado di adattarsi ad ogni tipo di utilizzo.

Naturalmente se pensi di acquistarle esclusivamente per i videogiochi, allora ti consigliamo di rivolgere la tua attenzione altrove, poiché è possibile trovare alternative più valide in quell’ambito, chiaramente con qualche compromesso sotto altri punti di vista. Fatta tale premessa però, parliamo di cuffie di altissimo livello per la fascia di prezzo in cui si collocano, ideali come accessorio da portare sempre con sé e perfette come cuffie a basso costo, soprattutto per chi la musica la produce.

L’acquisto vale sicuramente la cifra investita, le Monitor 60 sono cuffie dal timbro molto corposo, ricco di bassi e decisamente dettagliato, che – soprattutto durante qualche strimpellata con la chitarra elettrica – ci ha fatto divertire non poco. L’isolamento dai rumori esterni è davvero minimo (come è giusto che sia trattandosi di cuffie semi-aperte), ma risulta tutto sommato sufficiente per un ascolto piacevole e confortevole. La comodità non si discute, grazie soprattutto al peso decisamente ridotto che quasi fa dimenticare di averle indossate.

Al momento della recensione, le cuffie sono disponibili su Amazon a 59,99 euro, grazie ad un coupon da 20€ da applicare spuntando l’apposita casella. Mentre acquistando direttamente dal sito OneOdio è disponibile il codice sconto “SUPER20%“, che va a sommarsi allo sconto già applicato e garantisce un ulteriore risparmio del 20%.

Nella fascia sotto i 100 euro, riteniamo che siano tra le migliori proposte del mercato, vi segnaliamo inoltre che spesso è possibile trovarle in promozione a meno di 70 euro. In quel caso rappresentano un vero e proprio best buy per quanto riguarda il rapporto qualità/prezzo.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti