È l’Abruzzo la prima regione italiana a darsi un regolamento ad hoc per la posa delle BTS di telefonia mobile. Ad annunciarlo è l’assessore regionale all’Ambiente, Massimo Desiati. Desiati ha spiegato che il Decreto Legislativo n.198 del 4 settembre 2002, ha emanato le norme che regolano l’installazione, l’esercizio ed il controllo degli impianti di telefonia mobile GSM/UMTS che, di fatto, limita la potestà delle amministrazioni comunali, in materia di installazione di impianti di telefonia mobile.

‘I limiti di esposizione ai campi elettromagnetici previsti dalla legge nazionale – ha spiegato Desiati – rappresentano sicuramente un elemento di tranquillità per la popolazione. Per questa ragione abbiamo inteso redigere questo regolamento allo scopo di fornire ai sindaci abruzzesi la possibilità di intervenire puntualmente in questa materia. La legge prevede, infatti, che le amministrazioni comunali possano esprimere un motivato dissenso alla proposta d’installazione di questi impianti, nel caso si evidenziasse una mancata condivisione dei progetti che dovessero interessare il loro territorio. Ma nello stesso tempo senza l’adozione di uno strumento normativo come quello suggerito dalla Regione – ha sottolineato Desiati – la loro capacità di esprimere eventuali riserve, sarebbe limitata e priva di forza, trattandosi di progetti supportati da autorizzazioni e non di semplici concessioni’.