Sarà per questioni di inventario o forse per qualche strategia commerciale non chiarita ai consumatori, ma sembra che non tutti i Galaxy S6 commercializzati nel mondo utilizzino un sensore Sony per la fotocamera posteriore. Sulla carta, il top di gamma Android di Samsung sfrutta un IMX240, lo stesso già integrato nel Galaxy Note 4 nel 2014. Gli utenti del forum di XDA-Developers, però, raccontano una storia diversa: alcune unità adottano un sensore ISOCELL realizzato dalla stessa Samsung.

La schermata con le informazioni sul sensore della fotocamera
La schermata con le informazioni sul sensore della fotocamera


Lo ha riportato l’utente “Bananaz” che, corroborando le sue affermazioni con una schermata del telefono, ha segnalato che il sistema riconosce un sensore ISOCELL e non quello di Sony. Situazione confermata da altri utenti secondo cui, anzi, “le foto rispetto a un IMX240 sembrano migliori”. A prescindere da quale sia il motivo, insomma, sembra che non ci siano problemi di qualità, almeno riscontrabili dagli utenti nell’utilizzo quotidiano.

Non c’è una risposta univoca e c’è chi sostiene che si tratti di un errore del sistema nel valutare l’ISP (Image Signal Processor) oppure che, effettivamente, ci siano due sensori differenti. Aspettiamo di capire se Samsung si esporrà pubblicamente sulla vicenda: ma considerato quanto sia minima e poco influente la faccenda, siamo dubbiosi che la società si prenderà la briga di rilasciare una nota ufficiale oppure di chiarire la situazione sui social network.

In ogni caso, come anticipato, le due unità non differiscono nella qualità generale: motivo per cui gli utenti interessati ad acquistare un Galaxy S6, che Telefonino.net ha recensito con una videoprova completa, possono dormire sonni tranquilli.