Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Bloomberg, RIM ha citato in giudizio Motorola che, a suo dire, le starebbe impedendo di assumere del personale messo in cassa integrazione.

Le due società, in un precedente accordo, avevano convenuto di non avanzare offerte di lavoro ai rispettivi dipendenti, ma sembra che tale accordo avesse come termine agosto 2008.
Rim, in una denuncia depositata al tribunale di stato di Chicago, ha chiesto che venga dichiarato non più valido quanto concordato in precedenza.

La casa alata statunitense starebbe, infatti, cercando di mantenere ancora in vigore l'accordo affinché la rivale Research In Motion non possa assumere il personale licenziato.
Motorola e Rim si sono astenute dal commentare la vicenda.