Il presidente di Motorola, Rick Osterloh, risponde per le rime alle provocazioni di Jonathan Ive, designer di punta di Apple. Quest’ultimo recentemente aveva approfittato di un profilo-intervista pubblicato sul New Yorker per criticare "un servizio concorrente che offre agli utenti la possibilità di personalizzare alcuni aspetti dello smartphone, dal colore ai materiali". Anche se Ive non ha apertamente citato il concorrente, il riferimento allo strumento Moto Maker è più che evidente.

Moto Maker
Moto Maker

Ive ha espresso le proprie perplessità per tale scelta, giungendo persino a dichiarare che le ampie possibilità offerte dallo strumento nella scelta di colori e materiali siano un chiaro segno che l’azienda concorrente (Motorola) abbia abdicato alla propria responsabilità come designer. In una intervista rilasciata alla BBC, Rick Osterloh, a cui non è piaciuta l'opinione non richiesta di Ive, si è dichiarato entusiasta e fiducioso nell’approccio di Motorola. Lo stesso Osterloh afferma: "Siamo convinti che l'utente finale debba essere direttamente coinvolto nel processo di progettazione dei prodotti".   

Jony Ive
Jony Ive

Anziché replicare ad Ive parlando di design, lato sul quale la casa di Cupertino è difficilmente attaccabile, il presidente di Motorola ha focalizzato l’attenzione sul prezzo: "Nel mercato degli smartphone esiste una dicotomia nella quale ci sono attori, come Apple, interessati a fare tanti soldi proponendo prezzi scandalosi. Crediamo che questo non sia il futuro. Il futuro del mercato è nell’offrire esperienze simili e un’ottima scelta a prezzi accessibili". Nelle sue dichiarazioni, Osterloh si riferisce certamente alla sproporzione di prezzo tra gli iPhone di Apple e i device a basso costo di Motorola (Moto G e Moto E), che integrano la maggior parte delle caratteristiche di cui hanno bisogno gli utenti.

Osterloh poi prosegue: "Il più grande fallimento del settore della telefonia mobile è anche la nostra più grande opportunità: realizzare dispositivi a prezzi accessibili per le persone che non vogliono spendere un sacco di soldi".

Rick Osterloh
Rick Osterloh

Motorola è riuscita nel suo intento di fornire tali dispositivi, anche se ciò non è bastato perché si invertisse immediatamente il trend negativo del suo business. Operando con i margini tipici del mercato low-cost occorre infatti del tempo per ottenere risultati significativi. Nemmeno il top di gamma Moto X sembra da solo in grado di risolvere la faccenda in tempi brevi, nonostante si tratti di un terminale estremamente valido. Intanto, i prezzi "scandalosi" hanno appena portato Apple al più grande profitto mai realizzato nella storia della società.