Il Mobile World Congress 2021 è stato ufficialmente rinviato. Le condizioni della pandemia in Europa (ed in particolare in Spagna) sconsigliano evidentemente alla macchina organizzativa della GSMA di mettersi in moto per dar corpo alla nuova edizione e così si è scelto di anticipare i tempi e annunciare fin da ora che l’appuntamento tradizionale di fine febbraio è da immaginarsi in un momento successivo.

Mobile World Congress 2021: Barcellona, dal 28 giugno

Il Mobile World Congress 2021 è previsto dunque al momento in data 28 giugno – 1 luglio 2021. La scelta sembra dettata dalla convergenza di una serie di logiche tutte improntate ad evitare gli ostacoli del Covid. Anzitutto v’è la necessità di rinviare l’evento per allontanarlo dall’attuale “seconda ondata” che sta imperversando (le previsioni per la penisola iberica, peraltro, sono particolarmente preoccupanti); inoltre l’esperienza consiglia di allontanarsi dai mesi freddi, quelli che rendono la pandemia più rischiosa; infine v’è la volontà di non annullare definitivamente l’edizione 2021 dopo che già quella del 2020 è saltata per i motivi noti.

Va ricordato infatti come proprio il MWC 2020 fu il primo grande evento annullato a causa del Covid-19: la scelta, per quanto sofferta da parte di tutti, è stata tanto doverosa quanto azzeccata perché quel grande ammassamento di persone e aziende avrebbe potuto determinare una deflagrazione del virus ancor più grave di quanto già non sia accaduto.

Il rinvio è oggi annunciato con un semplice tweet ufficiale:

Il comunicato diramato dalla GSMA lascia trapelare massimo accordo tra tutte le parti in causa: sponsor, città ospitanti e organizzazione sono tutti allineati nella scelta di spostare la data per aumentare le possibilità che l’evento possa essere realizzato, in attesa di capire cosa succederà in autunno e quale scenario presenterà la primavera. Da più parti, infatti, si sta faticando a fare piani che vadano oltre al prossimo semestre.

Per ora, insomma, il Mobile World Congress 2021 s’ha da fare. La città di Barcellona è confermata per fine giugno, mentre a Shanghai aprirà i battenti tra il 23 ed il 25 febbraio. Una previsione, una deadline, ma forse anche e soprattutto una grande speranza collettiva.

Fonte:GSMA