Iridium, il consorzio per la telefonia satellitare
da mesi in serie difficoltà economiche, riceverà questa settimana
un consistente finanziamento da Craig McCaw, noto uomo d’affari impegnato nel
settore delle telecomunicazioni.

Secondo il New York Times l’investimento sarà
di almeno 20 milioni di dollari e permetterà ad Iridium di continuare
ad operare, in attesa che il progetto di risanamento finanziario iniziato lo
scorso anno incominci a produrre risultati significativi.

L’aiuto finanziario non frutterà a McCaw
il controllo di Iridium, a differenza di quanto è successo lo scorso
anno, quando il magnate aveva salvato ICO Global Communications, altro consorzio
per la telefonia satellitare sull’orlo della bancarotta, ottenendone il controllo.

Inizialmente McCaw, alla guida anche del progetto
Teledesic, aveva offerto 600 milioni di dollari per rilevare Iridium, per poi
ridimensionare la proposta in un aiuto da 20 milioni di dollari.

La strategia di McCaw è chiara: ottenere
il controllo del settore delle telecomunicazioni satellitari acquisendo quote
nei principali consorzi del settore.

L’offerta di 20 milioni di dollari adesso dovrà
essere approvata dal giudice federale che ha seguito la procedura fallimentare,
ma dopo il successo ottenuto nel salvataggio di ICO difficilmente sarà
bloccata.