In un mercato dominato da Qualcomm con i suoi SoC Snapdragon, la concorrenza non perde la speranza di riuscire a strappare una fetta di un business in costante crescita. L’altro nome di peso nel settore è senza dubbio Mediatek, i cui chip vengono sfruttati soprattutto nei dispositivi più economici, ma ci sono anche altre aziende che stanno esplorando la possibilità di fare i SoC in casa: come sta facendo Samsung, ad esempio, per risparmiare sui costi e aumentare la competitività. Secondo alcuni fonte coreane, ora anche LG starebbe approntando un rivale per lo Snapdragon 810.

LG, dunque, prosegue nel suo impegno in questo settore nonostante la prima esperienza non proprio esaltante con il suo processore NUCLUN, che ha debuttato con scarso successo sul G3 Screen. Dopo l’insuccesso commerciale del NUCLUN, LG ha tentato una seconda generazione usando una configurazione che abbinava Cortex-A57 e Cortex-A53, ma tale progetto sarebbe stato scartato a causa dell’eccessivo surriscaldamento.

LG NUCLUN
LG NUCLUN

Secondo le indiscrezioni, LG questa volta avrebbe in mente di sfidare alla pari Qualcomm. In via di sviluppo vi è un octa-core realizzato seguendo lo schema big.LITTLE, con quattro core ARM Cortex-A72 “Maya” e quattro Cortex-A53, così da riuscire a gestire al meglio l'energia della batteria regolando il funzionamento secondo le esigenze del software in esecuzione. Per quanto riguarda l’unità grafica integrata non ci sono molti dettagli in merito, ma dovrebbe trattarsi di un prodotto Mali, forse la Mali-T880. Il processore sarebbe prodotto da TSMC con processo di produzione a 20 nm, lo stesso di Qualcomm.

L’uscita di questo processore sarebbe prevista entro la fine del 2015, una finestra temporale forse spostata troppo in là: in quei mesi lo Snapdragon 810 sarà diventato uno standard di fatto e l’intera industria si starà già spostando verso la nuova generazione di processori per smartphone e tablet.

Quello di smarcarsi da Qualcomm non è un sogno che fa gola solo a LG. Samsung, i cui processi di produzione a 14nm interessano persino ad Apple, sta approntando il processore Exynos 7420 octa-core per il suo prossimo Galaxy S6. I primi benchmark stanno facendo scalpore: su AnTuTu il punteggio attribuito a un prototipo ha registrato oltre 60.000 punti, il risultato più alto mai raggiunto, segnale che l’ottimizzazione dell’Exynos 7420 sul Galaxy S6 potrebbe costituire una autentica sorpresa e mettere a tacere i mugugni di chi guarda con scetticismo all'abbandono dello Snapdragon 810.