Un rapporto della sudcoreana Etnews sostiene che la divisione display di LG sta preparando la produzione in serie di schermi flessibili che posso essere piegati senza danni fino a 100mila volte. Diversamente da Samsung, che sta sviluppando anch’essa schermi flessibili e curvi, il rapporto afferma che LG non impiegherà tali display per uno dei suoi smartphone, ma che li fornirà ad altra azienda. 

 

Schermi LG
Schermi LG

Anche se la relazione non specifica il nome del partner misterioso, si parla di un player globale capace di competere contro Samsung e Apple nel mercato degli smartphone di fascia alta. 

 

Sempre nel rapporto, si dice che il partner commerciale non manca di risorse finanziarie e i costi di investimento (centinaia di milioni di dollari) saranno divisi tra le due aziende. LG sarebbe pronta per la produzione dei pannelli flessibili presso il suo stabilimento di Gumi, Kyeongbuk. 

 

LG G Flex 2
LG G Flex 2

Microsoft, la più grande società software al mondo per capitalizzazione, sembra essere l’ipotesi più probabile, soprattutto con l’arrivo di Windows 10 Mobile. 

 

Risulta interessante, inoltre, come il rapporto faccia notare che il partner di LG abbia anche verificato dei campioni di schermi pieghevoli di Samsung, scegliendo di optare per l’offerta di LG. È recente, infatti, la notizia che Samsung starebbe per lanciare uno smartphone con display flessibile già da Gennaio 2016. 

Un prototipo di schermo flessibile a firma Samsung
Un prototipo di schermo flessibile a firma Samsung

 

C’è molto interesse sui display pieghevoli, persino da parte di Apple. Una ricerca prevede infatti che, nel 2016, rappresenteranno il 25% della produzione complessiva di schermi. La cifra è destinata a superare il 50% già nel 2020.